• Sport
  • giovedì 21 marzo 2013

Sei grandi Italia-Brasile

Dal rigore di Meazza a quello di Baggio, un racconto per foto e video dei più famosi precedenti tra le due nazionali che giocano stasera

Questa sera alle 20.30, a Ginevra, la nazionale italiana di calcio giocherà un’amichevole contro il Brasile. Il Brasile è noto per essere una delle nazionali di calcio più forti del mondo, e anche per questo l’Italia l’ha incontrata spesso nei momenti decisivi della sua storia sportiva.

L’Italia ha giocato contro il Brasile per 14 volte in partite ufficiali FIFA: cinque ai mondiali, una in Confederations Cup e otto volte in amichevole. In totale, 5 vittorie dell’Italia, 2 pareggi e 7 sconfitte. L’ultima volta è stata in Confederations Cup nel 2009 – il torneo che da pochi anni si organizza un anno prima del mondiale nella nazione ospitante, in cui giocano le nazionali vincitrici a livello continentale e la campione in carica – e non è andata molto bene: il Brasile ha vinto in modo molto netto per 3-0. Negli ultimi anni, nonostante la vittoria della Coppa del mondo nel 2006, gli scontri diretti contro il Brasile sono un po’ un disastro: l’Italia non segna un gol al Brasile dall’amichevole di Lione del giugno 1997, sedici anni fa. Ad ogni modo, guardando alla storia calcistica della nazionale italiana ci sono diversi momenti che possono consolare il tifoso: un po’ sono nelle foto di seguito, un po’ nel racconto e nei video di sei partite eccezionali.

16 giugno 1938, Marsiglia, Italia – Brasile 2-1
Ai mondiali del 1934, giocati in Italia e vinti dall’Italia, il Brasile era stato eliminato dalla Spagna agli ottavi e l’Italia non lo aveva dovuto incontrare per vincere il titolo, il primo della sua storia. Quattro anni dopo, invece, ai mondiali giocati in Francia, l’Italia incontrò il Brasile in semifinale, nella prima partita ufficiale tra le due squadre. Vinse l’Italia allenata da Vittorio Pozzo (come quattro anni prima), che poi avrebbe vinto di nuovo il mondiale. In quella squadra c’erano molti nomi storici del calcio italiano: su tutti Silvio Piola, che ancora oggi ha il record di reti di tutti i tempi in Serie A, e Giuseppe Meazza, che quel giorno segnò al Brasile su rigore. Erano anche altri tempi, decisamente: uno degli aneddoti più celebri di quella partita è che Meazza tirò il rigore reggendosi i pantaloncini della divisa, a cui si era rotto l’elastico. Un servizio dell’istituto Luce, in piena epoca fascista, riassunse così la partita.

12 maggio 1963, Milano, Italia – Brasile 3-0
Nel 1958 e nel 1962 i mondiali erano stati vinti dal Brasile, che era entrato nella storia del calcio come una delle squadre più forti di sempre. Il giocatore più celebre della nazionale brasiliana, che nel 1963 venne in Europa per una serie di amichevoli, era Pelé. Nella partita di Milano l’attaccante brasiliano si era infortunato pochi giorni prima giocando contro la Francia, ma venne comunque marcato molto stretto da Giovanni Trapattoni, in una di quelle sfide attaccante-difensore che sono una costante della storia italiana (con noi sempre nella parte dei difensori). L’Italia vinse 3-0: la squadra era formata da un gruppo di giovani giocatori destinato a grande fortuna. Tra questi Giacinto Facchetti, simbolo dell’Inter di lì a pochi anni, Gianni Rivera all’inizio della sua lunga carriera con il Milan e Giacomo Bulgarelli, che nel 1964 vinse lo scudetto con il Bologna. Fu la partita di esordio in nazionale dell’allora 20enne Sandro Mazzola.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.