• mini
  • domenica 17 febbraio 2013

Claudio Bisio a Sanremo

Nel suo monologo il comico ha descritto i difetti, le incoerenze e le ipocrisie non di chi è votato, ma di chi vota

Ieri, durante l’ultima puntata del 63esimo Festival di Sanremo, il comico milanese Claudio Bisio ha fatto un monologo. Partito in modo piuttosto noioso, è diventato poi un’efficace trovata quando ha capovolto il cliché e ha spiegato che il problema italiano non sono i politici ma gli elettori: a metà della sua esibizione, Bisio ha annunciato che avrebbe parlato delle prossime elezioni politiche del 24 e 25 febbraio, citando tutte le incoerenze e le ipocrisie del sistema e urlando: “Tutti a casa”. In realtà però, Bisio non si riferiva alla classe politica, cioè agli eletti, ma agli elettori, «a quelli che li hanno votati».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.