Al Jazeera s’è comprata Current TV

La tv di Al Gore sarà chiusa e al suo posto l'emittente del Qatar lancerà Al Jazeera America per fare concorrenza negli Stati Uniti a CNN, Fox e MSNBC

Al Jazeera, la principale emittente televisiva del Qatar e la più conosciuta televisione araba di notizie al mondo grazie al suo canale in inglese, giovedì 3 gennaio ha confermato di avere acquisito il canale televisivo statunitense Current TV. I termini dell’accordo non sono stati resi pubblici, ma secondo diversi osservatori e le informazioni fornite da alcune persone coinvolte nelle due società, per l’operazione Al Jazeera avrebbe messo a disposizione circa 500 milioni di dollari. L’acquisizione consentirà all’emittente di estendere in tempi rapidi la propria presenza negli Stati Uniti, dove fino a ora aveva faticato non poco a guadagnare una base solida di telespettatori.

Current TV fu fondata dall’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore insieme con l’uomo d’affari ed ex politico democratico Joel Hyatt. Le trasmissioni iniziarono il primo agosto del 2005 e l’emittente aveva l’obiettivo di raccontare il mondo con documentari, reportage e altri contenuti realizzati direttamente dagli spettatori. Nel corso del tempo la rete mise in piedi diversi programmi, con una particolare attenzione ai temi ambientali cui è da tempo molto interessato Al Gore, e raccolse giornalisti e opinionisti, a partire da Keith Olbermann nel 2011 (che sarebbe stato poi licenziato nella primavera del 2012). Current TV lanciò una propria versione italiana visibile sul Web e sulla piattaforma di Sky nel 2008, ma dopo una storia complicata il canale italiano chiuse a fine luglio del 2011 tra molte polemiche.

Nonostante fosse presente su numerose piattaforme per la televisione a pagamento negli Stati Uniti, e quindi avesse un potenziale pubblico di decine di milioni di spettatori, Current TV ha sempre faticato molto nel conquistare telespettatori, cosa che ha influito sul volume di affari prodotto. Dopo l’acquisizione da parte di Al Jazeera il marchio di Current TV non esisterà più e sarà sostituito da quello di Al Jazeera America. La società ha annunciato che avrà sede a New York e che aprirà alcuni nuovi uffici nelle principali città degli Stati Uniti, rafforzando anche le sedi di Washington, Los Angeles, Miami e Chicago. Raddoppierà anche il proprio numero di impiegati portandoli a oltre 300.

Al Jazeera confida in questo modo di recuperare il terreno perduto nei confronti della concorrenza delle altre emittenti che negli Stati Uniti danno solo news come CNN, MSNBC e Fox. Su scala globale, i canali tv di Al Jazeera raggiungono circa 260 milioni di case in 130 diversi paesi, ma fino a ora l’accesso negli Stati Uniti era limitato. Current TV raggiungeva circa 60 milioni di case, cosa che dovrebbe consentire ad Al Jazeera di aumentare la propria presenza nel paese.

La società dovrà comunque fare i conti con le piattaforme televisive a pagamento che comprendono il suo segnale nei loro pacchetti in abbonamento. Una di queste, Time Warner Cable, ha già annunciato che non distribuirà più l’ex canale di Current TV ai propri abbonati. L’anno scorso era già stata annunciata la decisione di lasciare perdere Current TV a causa dei bassi ascolti. Time Warner Cable è impegnata in una profonda revisione della propria offerta televisiva per contenere i costi, che in circa quattro anni sono aumentati del 30 per cento, portando a un sensibile aumento dei prezzi per gli abbonati. La società è dal 2009 completamente autonoma rispetto a Time Warner, che tra le altre cose possiede CNN. Sono due società diverse, quindi la scelta di non trasmettere più Current TV che a breve diventerà Al Jazeera America non ha nulla a che fare con ragioni di concorrenza tra network televisivi di news.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.