• Mondo
  • sabato 22 Dicembre 2012

Gli attacchi ai supermercati in Argentina

Sono cominciati giovedì e hanno già causato 2 morti e 25 feriti, mentre il governo accusa l'opposizione e alcuni giornali di appoggiare i saccheggiatori

Due persone sono morte e 378 sono state arrestate durante una serie di assalti a supermercati e negozi in varie città dell’Argentina. I disordini sono cominciati giovedì, nella città di Bariloche, nel sud del paese, dove un centinaio di persone ha attaccato 3 supermercati, rubando cibo, vestiti, ma anche TV al plasma. Tra giovedì e venerdì i saccheggi si sono diffusi in molte altre città del paese.

La polizia è intervenuta in assetto antisommossa e armata di lacrimogeni per disperdere i saccheggiatori. Nella notte tra giovedì e venerdì, si sono verificati assalti anche nelle città di Campana e Zarate, nella provincia di Buenos Aires e a Resistencia, nel nord. Ieri a San Fernando, nella periferia di Buenos Aires, un supermercato è stato assaltato in pieno giorno.

Gli incidenti più gravi si sono verificati a Rosario, la terza città del paese. I primi saccheggi sono avvenuti la sera di giovedì e in tutto sono stati attaccati più di trenta tra negozi e supermercati. La polizia ha reagito duramente per disperdere i saccheggiatori e al momento si contano 2 morti, 25 feriti e 137 arrestati.

Il giornale di opposizione Clarìn (di cui avevamo parlato qui) scrive che la città di Rosario non ha ancora ricevuto rinforzi di polizia dalla capitale e che per proteggersi i negozianti stanno saldando lastre di metallo alle porte dei loro negozi.

Gli attacchi ai supermercati sono un altro episodio della difficile situazione sociale in cui si trova il paese. Già a settembre c’erano state proteste di piazza, seguite da altre manifestazioni a novembre e da uno sciopero generale. Da tempo l’Argentina è in una difficile situazione economica, con un’inflazione reale vicina al 30%, disoccupazione in aumento e un governo che ha crescenti difficoltà a finanziarsi. Questa comunque è la prima volta in cui le manifestazioni e la risposta della polizia sono così violente.

(Tre esempi da non seguire)

«Alcuni argentini vogliono portare il paese nel caos e nella violenza», ha commentato il viceministro della Sicurezza, Sergio Berni. Altri membri del governo di Cristina Kirchner hanno accusato i gruppi di saccheggiatori di essere collegati all’opposizione e ai media di destra. Il leader dell’opposizione, Hugo Moyano, ha respinto le critiche, sostenendo che questi disordini sono causati dalla difficile situazione economica del paese.