• Cultura
  • martedì 18 Settembre 2012

«Sogno un presidente bianco»

La nuova canzone di Randy Newman prende ancora una volta in giro i pregiudizi americani e mette il dito su una piaga

Randy Newman, illustre e ammirato cantautore americano famoso per la sua inclinazione all’ironia e alla satira sociale, ha pubblicato una nuova canzone (si può scaricare gratis) provocatoriamente intitolata “I’m dreaming of a white president” (Sogno un presidente bianco). La citazione è per “I’m dreaming of a White Christmas”, e il gioco è quello tipico di molte canzoni di Randy Newman in cui il narratore rappresenta i pregiudizi che Newman vuole prendere in giro: in questo caso l’idea che i presidenti bianchi sappiano meglio interpretare il ruolo, come dimostra la tradizione: sono sempre stati bianchi. «Ci sono teorie pseudoscientifiche vaghe prive di senso, ma di cui alcuni sono davvero convinti», ha spiegato Newman.

«Nessun’altra nazione occidentale industrializzata avrebbe eletto un presidente nero. Sono fiero che questo paese abbia eletto Obama nel 2008. Ma dall’inizio del suo mandato ho notato un eccessivo accalorarsi attorno ad argomenti che normalmente non genererebbero quel tipo di coinvolgimento: il bilancio, le nomine, l’assistenza sanitaria.» E continua: «Penso che ci siano molte persone che reputano stridente il fatto di avere un uomo nero alla Casa Bianca, e vogliono che se ne vada. Non possono credere che non esista un uomo bianco più qualificato. Non riusciresti a farlo ammettere a nessuno, e intendo proprio nessuno.»

– Luca Sofri: Il grande mistero di Randy Newman

George Washington was a white man
Adams and Jefferson too
Abe Lincoln was a white man, probably
And William McKinley the whitest of them all
Was shot down by an immigrant in Buffalo
And a star fell out of heaven

I’m dreaming of a white President
Just like the ones we’ve always had
A real live white man
Who knows the score
How to handle money or start a war
Wouldn’t even have to tell me what we were fighting for
He’d be the right man
If he were a

I’m dreaming of a white President
Someone whom we can understand
Someone who knows where we’re coming from
And that the law of the jungle is not the law of this land
In deepest darkest Africa nineteen three
A little boy says, “Daddy, I just discovered relativity.
A big eclipse is coming
And I’ll prove it. Wait and see!”

“You better eclipse yourself outta here, son
And find yourself a tree
There’s a lion in the front yard
And he knows he won’t catch me.”

How many little Albert Einsteins
Cut down in their prime?
How many little Ronald Reagans
Gobbled up before their time?

I don’t believe in evolution
But it does occur to me,
What if little William Howard Taft had to face a lion
Or God forbid, climb a tree?
Where would this country be?

I’m dreaming of a white President
Buh buh buh buh
‘Cause things have never been this bad
So he won’t run the hundred in ten seconds flat
So he won’t have a pretty jump shot
Or be an Olympic acrobat
So he won’t know much about global warming
Is that really where you’re at?
He won’t be the brightest, perhaps
But he’ll be the whitest
And I’ll vote for that

Whiter than this?
Yes
Whiter than this?
Yes
Whiter than this?
Yes
Whiter than this?
Oh yeah