• Mondo
  • martedì 11 settembre 2012

Stamattina a Ground Zero

Le foto della cerimonia che ha ricordato i morti delle Torri Gemelle, davanti ai due memoriali con i nomi, e i parenti

Questa mattina negli Stati Uniti (nel primo pomeriggio italiano) si sono svolte numerose cerimonie per ricordare le persone morte negli attentati terroristici dell’11 settembre 2001, e altre si svolgeranno nel corso della giornata. A New York i familiari delle persone uccise si sono riunite al Memoriale dell’11 settembre, che si trova sul luogo in cui sorgevano le Torri Gemelle, per partecipare a una cerimonia in ricordo dei loro cari. Alle 8:46 è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare il momento esatto in cui il primo aereo si schiantò contro la Torre Nord. È stato osservato il silenzio anche in corrispondenza dei minuti in cui gli aerei dirottati colpirono i loro bersagli, in cui crollarono le torri e in cui il volo United 193 si schiantò a Shanksville, in Pennsylvania: l’aereo era diretto verso il Pentagono e secondo le ricostruzioni è stato probabilmente dirottato dai passeggeri che si sono ribellati agli attentatori. I nomi delle 2.983 persone uccise negli attentati – scolpiti nella pietra del memoriale – sono stati letti ad alta voce, mentre i familiari e gli amici portavano fiori e bandiere e ricalcavano i nomi intorno alle due grandi vasche del Memoriale.

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il candidato alla presidenza repubblicana Mitt Romney hanno sospeso per un giorno i toni aggressivi della campagna elettorale. Obama e la moglie Michelle hanno preso parte a una cerimonia commemorativa al Pentagono e visitato il cimitero nazionale di Arlington in Virginia, mentre il vicepresidente Joe Biden ha partecipato a un cerimonia commemorativa a Shanksville, in Pennsylvania.

Il World Trade Center, oggi
Le foto dell’11 settembre

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.