Bad Piggies è il successore di Angry Birds

Il nuovo videogioco di Rovio sarà disponibile a fine settembre e stravolge la trama del precedente: quelli da aiutare ora sono i maiali verdi

Rovio, la società che ha colonizzato gli smartphone, i cellulari e i computer di mezzo con Angry Birds sta per pubblicare un nuovo videogioco, che si chiama Bad Piggies. Il nuovo gioco cambia la prospettiva rispetto al precedente: i giocatori non dovranno più aiutare gli Angry Birds a lottare contro i perfidi maiali verdi ghiotti delle loro uova, ma dovranno invece dare una mano a questi ultimi per compiere i loro furti nei nidi. Bad Piggies potrà essere scaricato a partire dal prossimo 27 settembre e Rovio confida di ottenere un successo analogo a quelli di Angry Birds, che ha portato verso la società decine di milioni di dollari di ricavi.

(Quelli che hanno inventato Angry Birds)

Il nuovo videogioco inizia su un’isola apparentemente deserta dove i maiali verdi si devono dare da fare per costruire veicoli e altri strani macchinari, utili per raggiungere e rubare le uova degli Angry Birds. La grafica è molto essenziale e le regole del gioco sono molto semplici, elementi che hanno permesso già a Angry Birds di ottenere un enorme successo, diventando un passatempo giocato ogni mese da circa 200 milioni di persone. A seconda di come viene costruito il veicolo si ricevono da una a tre stelle e si può passare al livello successivo, a patto che il trabiccolo non si sfasci prima del tempo.

Il gioco ha richiesto un anno di lavoro per essere completato e i responsabili di Rovio hanno spiegato a FastCompany, che ne ha vista una copia in anteprima, che alcuni dettagli saranno ancora messi a posto prima dell’uscita ufficiale prevista per fine settembre. Il gioco costerà 0,99 dollari (probabilmente 0,79 euro).

(L’impatto di Angry Birds sull’economia)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.