• Sport
  • domenica 1 luglio 2012

Vinciamo la prossima

L'Italia ha perso la finale contro una Spagna perfetta: ma bravi lo stesso

“Bravi lo stesso”, non è un commento che ci sono state spesso le condizioni di fare, con l’Italia dell’era moderna: che ci ha piuttosto abituato a vincere, o a perdere meritatamente e a volte con vergogna. Ma l’Italia di questi Europei è partita per niente favorita, ha tenuto a bada i campioni del mondo alla prima partita, ha vinto bene e divertendo (anche questo un caso non frequentissimo dopo l’82 di cui sta per arrivare il trentennale) contro due grandi rivali storiche, ed è arrivata in finale come la squadra che aveva giocato meglio in tutto il torneo. Poi si è trovata di fronte di nuovo la Spagna stavolta in giornata perfetta, e quelli che hanno vinto hanno meritato di vincere.

Ma per chi ricorda le ignominiose fini contro la Slovacchia o la Corea, o eliminazioni assai più precoci di questa, quella di Kiev corrisponde davvero all’abusata formula “uscire a testa alta”. L’Italia è seconda in Europa – non è male, poi, essere secondi -, e non è poco per niente: dietro solo a una squadra che ha fatto una cosa che prima nessuno mai (vincere due europei di seguito e un mondiale nel mezzo); e ci ha fatto passare due meravigliose serate che restano in curriculum.

Tutto quello che abbiamo detto fino a ieri – orgogliosi e contenti, con misura – non vale meno perché per una sera gli spagnoli sono stati più bravi di noi. Avevamo un po’ esagerato, è vero: adesso non esageriamo al contrario.

Bravi lo stesso. Vinciamo la prossima.

foto: Martin Rose/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.