• Cultura
  • martedì 21 febbraio 2012

“Nixon goes to China”

Oggi sono quarant'anni dalla storica visita di Stato da cui nacque un modo di dire molto usato nella politica americana

Il 21 febbraio 1972, quarant’anni fa, il presidente statunitense Richard Nixon arrivò in Cina: fu il primo presidente americano in carica a visitare il Paese. L’opportunità del viaggio era stata sostenuta a lungo da Henry Kissinger, all’epoca consigliere per la sicurezza nazionale nonché braccio destro del presidente, che nel luglio del 1971 era andato segretamente in Cina per organizzarlo. Il viaggio durò una settimana, durante la quale Nixon e la moglie Pat, accompagnati da giornalisti americani e alti funzionari di entrambi i Paesi, visitarono Pechino, la Grande Muraglia, Shanghai e Hangzhou. Nixon ebbe molti colloqui con il premier Zhou Enalai e incontrò anche il presidente Mao Tse-tung.

Il viaggio fu un grosso evento mediatico – per la prima volta in vent’anni gli americani videro foto e filmati dalla Cina – ed ebbe un gran significato politico. I rapporti tra Cina e Stati Uniti, infatti, dalla Seconda guerra mondiale erano peggiorati: la visita riuscì a normalizzarli e allontanò la Cina dall’Unione Sovietica. Alla fine del viaggio, che Nixon definì “la settimana che cambiò il mondo”, Cina e Stati Uniti rilasciarono il cosiddetto Comunicato di Shanghai, un documento che pose le basi per i futuri rapporti diplomatici tra i due Paesi.

Oggi il viaggio di Nixon in Cina si ricorda soprattutto per un modo di dire entrato nel lessico politico americano: “Nixon goes to China” o “Only Nixon could go to China”. All’epoca del viaggio in Cina, infatti, Nixon aveva una solidissima reputazione di politico conservatore, molto di destra e molto anti-comunista: soltanto lui, si disse, sarebbe potuto andare in visita nella Cina comunista e mostrarsi cordiale con Mao Tse-tung senza rischiare di essere accusato di debolezza dai suoi oppositori. La frase viene citata spesso quando una persona dalle posizioni politiche molto rigide e definite fa un passo verso i suoi interlocutori, non temendo di intaccare la propria credibilità: è stata usata molte volte nel corso del conflitto tra Israele e Palestina, per esempio, e in generale ogni volta che un uomo politico decide di cambiare qualcosa di cui è o era stato acceso sostenitore. Durante un film di Star Trek il signor Spock dice la frase “solo Nixon potrebbe andare in Cina” descrivendola come “un antico proverbio vulcaniano”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.