• Sport
  • lunedì 13 febbraio 2012

Lo Zambia ha vinto la Coppa d’Africa

Le foto più belle e i video della finale vinta ai rigori contro la Costa d'Avorio, con un paio di momenti strappalacrime

Lo Zambia ha vinto la Coppa d’Africa battendo in finale la Costa d’Avorio e ribaltando tutti i pronostici. La vittoria è avvenuta ai calci di rigore, dopo che i tempi regolarmentari si erano chiusi sullo zero a zero. La Costa d’Avorio, tecnicamente molto più forte, ha chiuso il torneo senza avere mai subito gol durante i tempi regolamentari ma contro lo Zambia non è riuscita a far fruttare la superiorità tecnica di campioni come Drogba, Kalou, Yaya Touré, Kolo Touré e Gervinho. Lo stesso Drogba ha addirittura sbagliato un calcio di rigore prima del novantesimo minuto. Sono stati tirati 18 calci di rigore prima di dare la vittoria allo Zambia: alla fine sono stati decisivi gli errori di Kolo Touré e Gervinho.

Per lo Zambia si chiude un cerchio: la finale si giocava a Libreville, in Gabon, da dove nel 1993 era decollato un aereo che si sarebbe poi inabissato nell’Oceano Atlantico. L’aereo aveva a bordo la gran parte dei giocatori della nazionale di calcio dello Zambia, che stavano andando a giocare una partita in Senegal. Più volte prima dei calci di rigore e dopo la vittoria i giocatori dello Zambia si sono messi a pregare anche in memoria dei loro ex compagni. Il difensore dello Zambia Musonda, uno dei giocatori più esperti e importanti della squadra, si è infortunato ed è stato costretto a uscire dopo pochissimi minuti dall’inizio della partita. L’allenatore Herve Renard, francese, a fine gara lo ha portato in braccio a festeggiare con i suoi compagni.

Le foto più belle della Coppa d’Africa

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.