Le foto del voto sulle carceri alla Camera

Chi sonnecchia, chi telefona, il ministro Severino ascolta un po' tutti e il tabellone luminoso si anima

Oggi la Camera ha confermato la fiducia al governo sulla conversione in legge del decreto sulle carceri. I voti favorevoli sono stati 420, i voti contrari sono stati 78, gli astenuti 35. Il voto finale sul provvedimento si terrà la settimana prossima, il decreto deve essere convertito entro il 20 febbraio. Tra i partiti maggiori, Lega e Italia dei Valori hanno votato contro la fiducia, i deputati di Popolo e Territorio si sono astenuti, PD, PdL e Terzo Polo hanno votato a favore.

Il decreto prevede il ricorso prima agli arresti domiciliari, poi alle camere di sicurezza e solo infine al carcere per gli arrestati in flagranza per reati di competenza del giudice monocratico (con l’esclusione di furto in appartamento, scippo, rapina ed estorsione semplici) ed entro le 48 ore dal fermo, in attesa dell’udienza di convalida; il prolungamento da 12 a 18 mesi del fine pena che si può scontare ai domiciliari, e la chiusura, entro il 31 marzo del 2013, degli Ospedali psichiatrici giudiziari.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.