I dischi più venduti di sempre negli USA

La società dei discografici americani mantiene storiche statistiche sulle vendite, con le attribuzioni di oro, platino, eccetera: e sapete chi è primo?

Il disco più venduto di sempre negli Stati Uniti è Thriller di Michael Jackson. Non una notizia sorprendente, ma non pensiate sia stato così facile: ancora pochi anni fa il primato era di una leggendaria – leggendaria per i discografici, ammirati – raccolta degli Eagles, che però ha perso la sua spinta mentre Thriller continua a conoscere buoni risultati ed è stato rilanciato dalla morte del suo titolare, nel 2009.

La RIAA è l’associazione dei discografici americani, divenuta nota in tutto il mondo nell’ultimo decennio per le sue guerre contro la pirateria musicale online. Gestendo il più importante mercato mondiale del settore e una parte rilevantissima dell’economia dello showbusiness, è una macchina antica e potente. Le sue rilevazioni di vendite sono molto importanti per valutare l’andamento dell’industria musicale soprattutto negli ultimi tempi tempestosi, ma anche per attribuire i successi e gli insuccessi di vendite a dischi, canzoni e artisti, e le loro certificazioni attraverso i mitici (e un po’ impolverati) dischi d’oro e di platino (e “multi platino”), oggi associati anche ai download digitali (in Italia le stesse certificazioni vengono date su numeri ovviamente molto più bassi).

La classifica storica, comunque, resta quella dei “dischi più venduti”, benché il formato sia stato molto indebolito negli ultimi anni. Quella guidata da Thriller (la RIAA gli attribuisce lo stesso numero di dischi di platino degli Eagles, ma altre fonti lo danno in vantaggio di copie), appunto, e che racconta diverse cose: che difficilmente i primi posti verranno scalfiti in futuro (nessuno dei primi trenta è successivo al 1998), che il rock prevale assolutamente (il pubblico adulto compra più dischi dei giovani), che non siamo tutti americanizzati (quanti di voi hanno mai sentito un pezzo di Garth Brooks?).

Thriller, Michael Jackson, 1982, Epic/Legacy (29 milioni di copie vendute)
Eagles/Their greatest hits 1971-1975, Eagles, 1976, Elektra, (29 milioni di copie vendute)
Led Zeppelin IV, Led Zeppelin, 1971, Atlantic (23 milioni di copie vendute)
The Wall, Pink Floyd, 1979, Columbia (23 milioni di copie vendute)
Greatest Hits Volume I & Volume II, Billy Joel, 1985, Columbia (23 milioni di copie vendute)
Back in Black, AC/DC, 1980, Epic (22 milioni di copie vendute)
Double Live, Garth Brooks, 1998, Capitol Nashville (21 milioni di copie vendute)
Come on over, Shania Twain, 1997, Mercury Nashville (20 milioni di copie vendute)
The Beatles, Beatles, 1968, Apple (19 milioni di copie vendute)
Rumors, Fleetwood Mac, 1977, Warner Bros. (19 milioni di copie vendute)
Appetite For Distruction, Guns N’ Roses, 1987, Geffen (18 milioni di copie vendute)
Boston, Boston, 1976, Epic (17 milioni di copie vendute)
The Bodyguard (Soundtrack), Whitney Houston, 1992 Arista (17 milioni di copie vendute)
No Fences, Garth Brooks, 1990, Capitol (17 milioni di copie vendute)
The Beatles 1967-1970, Beatles, 1973, Emi (17 milioni di copie vendute)
Jagged Little Pill, Alanis Morissette, 1995, Maverick (16 milioni di copie vendute)
Hotel California, Eagles, 1976, Asylum (16 milioni di copie vendute)
Cracked Rear View, Hootie & The Blowfish, 1994, Atlantic (16 milioni di copie vendute)
Greatest Hits, Elton John, 1974, Mca (16 milioni di copie vendute)
Physical Graffiti, Led Zeppelin, 1975, Swan Song (16 milioni di copie vendute)
Saturday Night Fever (Soundtrack), Bee Gees, 1977, Rso (15 milioni di copie vendute)
Greatest Hits, Journey, 1988, Columbia (15 milioni di copie vendute)
Metallica, Metallica, 1991, Warner Bros. (15 milioni di copie vendute)
Dark Side of The Moon, Pink Floyd, 1973, Harvest (15 milioni di copie vendute)
Born In The Usa, Bruce Springsteen, 1984, Columbia (15 milioni di copie vendute)
The Beatles 1962-1966, Beatles, 1973 Apple (15 milioni di copie vendute)
Ropin’ The Wind, Garth Brooks, 1991, Capitol (14 milioni di copie vendute)
Simon & Garfunkel’s Greatest Hits, Simon & Garfunkel, 1972, Columbia (14 milioni di copie vendute)

(La classifica completa sul sito della RIAA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.