Il Kindle italiano

Da oggi il lettore di Amazon è in vendita in Italia insieme ai primi sedicimila titoli in italiano

Amazon ha messo in vendita giovedì mattina il suo “Kindle italiano”. Ovvero lo stesso apparecchio che finora si poteva acquistare solo sulla versione americana del negozio online e su cui si potevano leggere quasi esclusivamente libri e giornali in inglese. Ma da oggi, appunto, è in vendita anche su Amazon.it (con consegna dal nuovo magazzino di distribuzione in provincia di Piacenza) insieme a 16 mila titoli di libri italiani offerti da quasi tutti i maggiori editori. Un primo lotto basato sulle versioni per e-book già prodotte dagli editori, ma a cui Amazon aggiungerà via via nuovi titoli riprodotti in digitale.

(la legge sugli sconti sui libri)

Il Kindle in vendita in Italia è la versione base (non il modello con lo schermo “Touch”, nè il tablet con più funzioni, “Fire“) e costa 99 euro (costa 109 dollari sullo store americano): si collega alle reti wifi, non al 3G. Amazon ha fatto accordi con molti editori – che, dicono da Amazon, sono stati molto più disponibili e interessati a partecipare che non un anno fa quando si trattò di aprire il negozio italiano – con due diversi tipi di accordo: alcuni editori hanno voluto fissare loro il prezzo dei singoli titoli, che dunque è rimasto identico a quello delle versioni ebook già vendute su altri siti. Altri hanno affidato il prezzo ad Amazon, che ha quindi applicato gli sconti che usualmente offre sui libri di carta, nei limiti delle recenti normative sul prezzo dei libri.
Per dare un’idea della ricchezza della prima parte di catalogo messa in vendita oggi, Amazon dice che comprende 64 dei primi 100 titoli nella classifica dei libri più venduti in Italia.

Un’ulteriore offerta per il mercato italiano è infine la possibilità per chiunque di mettere in vendita sul Kindle Store il proprio ebook autoprodotto, e di fissarne il prezzo (con un accordo con Amazon che ne trattiene il 30%).

Tutti gli articoli del Post su Kindle

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.