• rassegna
  • Questo articolo ha più di undici anni

La frana in provincia di Messina

Quattro persone sono morte, diversi paesi sono stati travolti dalle alluvioni

Sono quattro le vittime della frana di un costone roccioso a Saponara, nel Messinese. L’ondata di fango ha travolto un gruppo di case a Scarcelli, trascinando via un bambino di dieci anni. Le altre vittime sono un padre e un figlio (la madre si è salvata aggrappandosi a una ringhiera) e una ragazza di 24 anni.
Sul posto si trovano gli uomini della Protezione civile, dei vigili del fuoco e dei carabinieri. Nella vicina Monforte San Giorgio è rimasto ferito gravemente il conducente di un escavatore che stava ripulendo una strada da massi e detriti: il mezzo è stato investito da una frana che lo ha fatto ribaltare.
Ecco l’ultimo, drammatico capitolo di una giornata che ha visto tremila famiglie restare senza corrente elettrica, strade chiuse e treni fermi per le frane, intere città invase dal fango, con le persone bloccate negli uffici e nelle abitazioni. Una intera frazione isolata, con cinquanta famiglie bloccate nelle proprie case. Un gruppo di disabili ospite di una struttura d’accoglienza prigioniero per un’intera giornata.

(continua a leggere su Repubblica Palermo)