Il disco di Lou Reed con i Metallica

Si chiama «Lulu» ed esce il 31 ottobre: per Reed è «la cosa migliore che io abbia mai fatto», speriamo non sia il salto dello squalo

A giugno Lou Reed e i Metallica avevano rivelato di aver appena concluso le registrazioni di un disco in collaborazione.
Il disco si chiama “Lulu” e uscirà il 31 ottobre, Reed e la band metal lo hanno annunciato nei giorni scorsi e hanno anticipato il nome di alcune delle canzoni del disco (che saranno in tutto dieci): Junior Dad, Little Dog, Mistress Dread, Pumping Blood.
«Lulu» si ispira a due opere del drammaturgo tedesco Frank Wedelkind, “Lo Spirito della Terra” e “Il Vaso di Pandora”, e comprende alcune canzoni che Reed aveva scritto per una produzione teatrale berlinese, “Lulu Plays”. Ne parla il cantante dei Metallica James Hetfield:

Io e Lars Ulrich [batterista e fondatore dei Metallica] ci siamo seduti soltanto con strumenti acustici e abbiamo lasciato che questa tela bianca ci conducesse dove voleva. È stato un bellissimo regalo poter dare anche il nostro nome a questo progetto.

Non è la prima volta che Reed e i Metallica suonano insieme: la loro prima collaborazione risale all’ottobre 2009, in occasione del venticinquesimo anniversario della Rock and Roll Hall of Fame. I Metallica avevano accompagnato Reed mentre cantava due classici dei Velvet Undergroud, Sweet Jane e White Light/White Heat.

Abbiamo capito allora che eravamo fatti l’uno per gli altri – ha detto Reed, che ha aggiunto – È la cosa migliore che io abbia mai fatto e l’ho fatta con il miglior gruppo possibile. Per definizione, tutti sono stati onesti. Il progetto doveva venire al mondo puro.

Ora non resta che aspettare un mese per vedere se, come in rete molti suoi fans temono, persino Lou Reed sia arrivato al momento del salto dello squalo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.