• Mondo
  • domenica 24 luglio 2011

Cosa sappiamo di Anders Breivik

L'unico sospettato della strage in Norvegia aveva pubblicato un video e un testo da 1500 pagine, raccontando per filo e per segno la preparazione degli attacchi

L’uomo norvegese accusato di essere l’autore degli attacchi di venerdì scorso in Norvegia – la bomba a Oslo e la sparatoria a Utøya – ha 32 anni, si chiama Anders Behring Breivik ed è norvegese. È stato arrestato venerdì pomeriggio sull’isola di Utøya e stando alle prime notizie che trapelano dai suoi colloqui con la polizia, avrebbe ammesso di avere compiuto gesti “atroci ma necessari”, sarebbe lucido e avrebbe intenzione di collaborare e spiegare le sue motivazioni. Breivik ha detto di avere agito da solo.

Stando alle ricostruzioni della polizia, Breivik ha prima posizionato la bomba a Oslo, poi si è diretto con un traghetto a Utøya. Lì, vestito in modo da sembrare un agente di polizia, ha detto di essere arrivato per verificare la sicurezza dei ragazzi che stavano partecipando al campo estivo dei Giovani laburisti. Ha fatto radunare tutti in un’area e poi ha cominciato a sparare. Per novanta minuti, fino all’esaurimento delle munizioni, ha sparato metodicamente e ha dato loro la caccia fino alla costa e al mare. A Utøya è stata accertata la morte di 85 persone ma la polizia teme ancora che la stima possa salire: ci sono 4 persone disperse e molti feriti gravi.

Nel corso della serata di ieri sono emersi online due documenti che Breivik aveva pubblicato prima di mettere in pratica gli attacchi. Il primo è un lunghissimo testo, quasi 1500 pagine, in cui Breivik descrive la sua ideologia e le sue posizioni politiche, descrivendosi come un crociato, un cristiano pronto alla guerra per difendere l’Europa dalla minaccia della dominazione islamica e marxista. Le ultime pagine del testo sono però un diario dettagliatissimo della preparazione dei due attacchi. Breivik racconta la pianificazione degli attacchi, cominciata nel 2009, e gli ottanta giorni che gli sono serviti a reperire i fertilizzanti e le sostanze con cui ha sintetizzato l’esplosivo. Racconta le tecniche utilizzate, le difficoltà incontrate. Il tutto è spezzato da racconti più normali, in cui Breivik spiega di aver vissuto con la madre per poter avere più soldi da dedicare ai suoi piani, in cui racconta come depistava i suoi amici e come passava il tempo libero, guardando episodi delle serie tv True blood o The Shield, oppure il festival musicale Eurovision.

Breivik descrive la bomba di Oslo come la “operazione A”, mentre la “operazione B” è quella portata a termine a Utøya, per la quale Breivik ha acquistato una gran quantità di armi e munizioni. Molti dettagli del racconto – e la lucidità con cui sono resi – sono raccapriccianti per il loro distacco, specie nei passaggi in cui Breivik si chiede che facce faranno quanti lo vedranno vestito da poliziotto o si chiede come e se sarà trovato dalle forze dell’ordine. Il video caricato su Youtube è un riassunto di quel testo: alla fine appaiono delle foto di Breivik, una di queste lo ritrae armato. Nel testo Breivik sembra alludere agli attacchi parlando di una “operazione di marketing” collegata al libro.

Il New York Times scrive che il manifesto è stato pubblicato “poche ore prima degli attacchi”. Il testo è firmato Andrew Berwick, una versione inglesizzata del nome del sospettato e le autorità lo considerano autentico. Il titolo del testo è “2083: Una dichiarazione di indipendenza europea”. Al suo interno si parla anche di un incontro segreto di “Cavalieri Templari” tenutosi a Londra nell’aprile del 2002: Breivik scrive che all’incontro parteciparono nove persone da otto diversi paesi europei e le autorità stanno indagando sulla loro esistenza e sulla loro identità.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.