Il rapporto finale sul Cermis

La Stampa ha ottenuto il documento in cui le forze armate statunitensi ammettono la responsabilità nell'incidente che uccise 20 persone

La Stampa è entrata in possesso del rapporto finale sull’incidente del Cermis preparato dalle forze armate statunitensi. Nel documento c’è una ammissione di responsabilità per il disastro che causò la morte di venti persone e che è stato al centro di una discussa vicenda giudiziaria, tra Italia e Stati Uniti.

La causa di questa tragedia è che l’equipaggio dei Marines ha volato molto più basso di quanto non fosse autorizzato, mettendo a rischio se stesso e gli altri. Raccomando che vengano presi i provvedimenti disciplinari e amministrativi appropriati nei confronti dell’equipaggio, e dei comandanti, che non hanno identificato e disseminato le informazioni pertinenti riguardo ai voli di addestramento. Gli Stati Uniti dovranno pagare tutte le richieste giustificate di risarcimento per la morte e il danno materiale provocato da questo incidente». Pare di vederlo il generale Peter Pace, comandante dei Marines, futuro capo degli stati maggiori riuniti, italiano di origine, mentre firma scuro in volto il rapporto investigativo finale sulla tragedia del Cermis.

Il documento, di cui «La Stampa» è entrata in possesso nel rispetto delle leggi federali, porta la data del 10 marzo 1998. Poco più di un mese prima, il 3 febbraio, un aereo EA-6B in forza alla 31st Fighter Wing dei Marines, di base ad Aviano per partecipare alle missioni in corso sulla Bosnia, aveva tagliato i cavi della funivia di Cavalese, uccidendo venti persone che si trovavano a bordo della cabina precipitata. Pace aveva ordinato un’inchiesta guidata dal generale Michael DeLong, a cui per l’Italia avevano partecipato i colonnelli Orfeo Durigon e Fermo Missarino. Il 24 febbraio – si legge nell’executive summary – «il governo italiano aveva formalmente richiesto che gli Stati Uniti rinunciassero alla giurisdizione personale sui quattro membri dell’equipaggio».

continua a leggere sul sito della Stampa

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.