• rassegna
  • Questo articolo ha più di undici anni

Il tunnel ferroviario più lungo del mondo

A che punto sono i lavori nella galleria ferroviaria svizzera del San Gottardo, che entrerà in funzione tra cinque anni

Giovanni Caprara racconta sul Corriere della Sera a che punto sono i lavori del tunnel ferroviario del San Gottardo in Svizzera, il più lungo al mondo quando sarà completato con i suoi 57 chilometri sovrastato in alcuni punti da 2500 metri di roccia.

Mentre i lavori sulla Torino-Lione riprendono tra scontri e polemiche la Galleria svizzera del San Gottardo per i treni, la più lunga del mondo con i suoi 57 chilometri, vola verso il completamento. Dopo la caduta dell’ultimo diaframma nel marzo scorso all’interno del secondo tunnel, ora gli altri scavi sono completati e cinquecento tecnici ed operai sono impegnati negli allestimenti interni. Entrando dall’accesso di Faido, in valle Leventina, scivoliamo un po’ in profondità. Sopra di noi, nei punti più elevati, ci sono anche 2500 metri di roccia.

Tralicci, macchine in movimento, luci che gettano ombre nette, rumori secchi: il cantiere è sempre aperto. Il 2016 è la data fissata per il transito del primo treno. «E la rispetteremo: quindici chilometri di binari li abbiamo già installati» sottolinea con un sorriso l’ingegner Renzo Simoni, il direttore dell’opera che ci accompagna. Gli studi sono iniziati vent’anni fa e nascevano dalla constatazione che il traffico delle merci e delle persone era in continuo, straordinario aumento: il traffico stradale transalpino raddoppia ogni otto anni. Inoltre, secondo l’ufficio federale per l’ambiente la domanda del trasporto merci nel 2030 subirà un incremento del 78 per cento rispetto ad oggi.

Il problema ambientale che ne deriva è arduo da gestire e la Costituzione svizzera precisa l’obiettivo di «una mobilità rispettosa dell’ambiente» . La vecchia galleria del San Gottardo con i suoi 130 anni di vita non poteva certo rispondere alle nuove necessità. Dunque bisognava realizzarne un’altra più capace in grado di consentire rapidi collegamenti e materializzando una linea capace di unire il Nord con il Sud dell’Europa: il famoso «corridoio 24» .

continua a leggere sul sito Quotidianamente