• Mondo
  • lunedì 20 giugno 2011

La Grecia a un bivio

Inizia la settimana che dovrà portare alle nuove misure di rigore e austerità

Intanto il Regno Unito si tira indietro dai prossimi eventuali piani di aiuto economico

I ministri delle finanze dell’Eurozona hanno posticipato la loro decisione finale sul prestito da dodici miliardi di euro da affidare alla Grecia. I ministri hanno detto che il pagamento dell’ultima tranche del prestito da 110 miliardi di euro garantito dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale avverrà dopo l’approvazione definitiva da parte del Parlamento greco di tagli alla spesa pubblica per 28 miliardi di euro. Il governo greco ha detto di aver bisogno dei nuovi fondi entro luglio, per evitare il default.

L’approvazione delle misure di rigore in Grecia non è ancora andata in porto. Il primo ministro George Papandeou ha chiesto ai greci di accettare i sacrifici imposti dal suo piano perché “le conseguenze di una bancarotta o dell’uscita dall’Euro sarebbero catastrofiche per chi possiede una casa, per le banche e per la credibilità dell’intero paese”. Il Parlamento greco voterà martedì una mozione di fiducia nel nuovo governo di Papandreou, rimescolato la settimana scorsa. Il problema è rappresentato dall’aperta ostilità dell’opinione pubblica ai sacrifici proposti dal governo: nei giorni scorsi sono continuate le manifestazioni di protesta nella capitale, Atene. Se i tagli alla spesa dovessero andare in porto si comincerà probabilmente a discutere di un nuovo secondo pacchetto di aiuti, ritenuto da molti esperti “inevitabile”.

Intanto il Regno Unito, che non aveva partecipato direttamente al piano di salvataggio da 110 miliardi approvato l’anno scorso, ha fatto sapere di non avere intenzione di partecipare nemmeno a un eventuale nuovo piano di salvataggio. Germania e Francia nei giorni scorsi avevano detto che la Gran Bretagna avrebbe dovuto condividere una parte della responsabilità ma il Cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha chiarito che a suo parere i problemi dell’economia greca rimangono problemi dell’Eurozona. Il Regno Unito contribuirà solo per la parte che gli compete in quanto membro del Fondo Monetario Internazionale.

foto: LOUISA GOULIAMAKI/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.