• Mondo
  • venerdì 17 giugno 2011

Il Canada dopo gli scontri

I giornali si chiedono come sia potuto succedere e contano i danni

Le prime pagine dei giornali canadesi di oggi sono tutte dedicate agli scontri esplosi ieri notte a Vancouver dopo la sconfitta dei Canucks durante la finale del campionato di hockey su ghiaccio. Gli editoriali cercano di spiegarsi come sia potuta esplodere tanta violenza all’improvviso e chi ci sia dietro, posto che ci sia qualcuno di organizzato. E la conclusione a cui arrivano più o meno tutti è: «Che vergogna».

Da ieri mattina molti proprietari dei negozi insieme a molti volontari hanno iniziato a ripulire le strade e cercare di riportare il centro della città a un minimo di normalità dopo la devastazione subita. I danni non sono ancora stati stimati con precisione, ma al momento sembrano superiori a quelli del 1994, circa un milione di dollari, quando si verificò un episodio simile sempre in seguito a una sconfitta dei Canucks. Centosettanta persone sono rimaste ferite, quattro si trovano ancora in ospedale. Il sindaco, Gregor Robertson, ha promesso che ci sarà un’inchiesta su quanto accaduto e ha difeso la polizia, accusata di essere stata colta del tutto impreparata: «Cercheremo sicuramente di capire i motivi che hanno portato agli eventi di ieri notte. La scala e l’organizzazione dei criminali pongono una sfida molto difficile».

Cento persone sono già state arrestate dalla polizia, ma le indagini saranno sicuramente aiutate dalle decine di video che sono stati pubblicati su Youtube e Facebook, in alcuni casi dagli stessi autori delle violenze che non si sono preoccupati di nascondere la loro identità. La polizia aveva garantito che il suo piano di sicurezza da 1,3 milioni di dollari, insieme alla chiusura di tutti i negozi che vendevano alcolici fin dal primo pomeriggio, avrebbe impedito il ripetersi degli episodi del 1994. Invece gli agenti in molti casi sono sembrati totalmente sopraffatti dalle dimensioni della violenza. Molti incendi che erano stati appiccati per le strade sono stati abbandonati dopo che i vigili del fuoco sono stati ripetutamente attaccati dai vandali. Alcuni dipendenti dello Hudson’s Bay Company si sono chiusi a chiave dentro alle loro stanze e ci sono rimasti per ore prima di essere recuperati dai vigili del fuoco, mentre le persone rubavano di tutto.

Come spiega il New York Times oggi, l’incapacità della polizia di opporsi agli scontri è stata particolarmente sorprendente soprattutto se confrontata con quanto invece avvenne durante le Olimpiadi invernali del 2010, quando gli agenti riuscirono a tenere sotto controllo un numero di persone molto superiore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.