• Mondo
  • giovedì 16 Giugno 2011

Gli scontri dell’hockey a Vancouver

I Canucks hanno perso da Boston la finale del campionato NHL e i loro tifosi hanno preso d'assalto la città

Vancouver è da ore al centro di scontri tra polizia e tifosi dei Vancouver Canucks, la squadra di hockey della città che ieri sera ha perso 4 a 0 la finale contro i Boston Bruins della Stanley Cup, il campionato nordamericano di hockey sul ghiaccio.

Subito dopo la fine dell’incontro, alcuni gruppi di tifosi hanno iniziato a incendiare macchine, distruggere vetrine e saccheggiare negozi. La polizia è intervenuta sparando gas lacrimogeni e scontrandosi in molti casi direttamente con i tifosi. Era dal 1994 che la città non veniva sottoposta a un assalto di questo tipo. Anche in quel caso la violenza era esplosa dopo una partita dei Canucks. “Il sogno di Vancouver è ora il suo incubo”, titola la homepage del Vancouver Sun.