(AP Photo)
  • Moda
  • martedì 14 Giugno 2011

I cappellini di Cecil Beaton

Storia e immagini del fotografo e costumista riscoperto dopo il matrimonio reale britannico

(AP Photo)

Durante il matrimonio reale tra il principe William e Kate Middleton, Cecil Beaton era probabilmente il morto più citato dai commentatori di moda: molti hanno paragonato la sfilata di cappellini delle ospiti ai costumi usati in My Fair Lady durante la famosa scena della corsa di cavalli ad Ascot, la riunione ippica più famosa del mondo che si svolge in questi giorni nel Berkshire, in Inghilterra. Quei costumi li aveva disegnati Beaton, fotografo della famiglia reale, scenografo e costumista teatrale e cinematografico tra i più famosi al mondo. Il suo lavoro gli valse un Oscar (proprio per My Fair Lady), quattro Tony awards, l’investitura di Comandante dell’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico e qualche altro titolo dal nome complicato.

Se non avete mai visto il film, o non ricordate quella scena in particolare, queste immagini vi aiuteranno a fare un confronto con l’abbigliamento, non meno eccentrico ma certamente meno elegante, degli ospiti di Will e Kate.

Quando Cecil Beaton si trovò a dover disegnare i costumi per la scena, prima ancora di fare particolari ricerche telefonò a sua madre. La signora Beaton, infatti, nel 1910 aveva assistito a una delle famose corse di cavalli che si tengono ad Ascot. Quando suo figlio le chiese come si era vestita in quell’occasione, lei rispose: «Giallo crema, nero, e grigio perla, per le vedove.»

Una kodak 3A, la prima macchina fotografica di Beaton (foto: Will Scullin)

Sir Cecil Walter Hardy Beaton era inglese fin nel midollo. Cominciò a scattare fotografie con la Kodak 3A della sua tata, un modello molto popolare tra i principianti autodidatti; poi, ormai adulto, lasciò l’università senza laurearsi, lavorò per otto giorni contati presso l’attività di suo padre (una segheria) e cominciò a mandare fotografie alle riviste più importanti: fu Vogue a pubblicare per la prima volta il suo lavoro, una foto dell’amico attore e regista teatrale George “Dadie” Rylands nei panni della Duchessa di Amalfi. Negli anni frequentò l’ambiente teatrale e artistico e fu introdotto alla Ashcombe House, villa nobiliare nel Wiltshire, che affittò poi ad un prezzo simbolico con la promessa di apportarvi delle modifiche. Lì accolse e intrattenne molte persone di rilievo, artisti e membri dell’aristocrazia britannica, tra cui era noto come fotografo dell’alta società. Lavorò sia per Vogue che per Vanity Fair, scattò foto alle celebity che popolavano Hollywood e, soprattutto, alla famiglia reale. Fu il fotografo dei Windsor in svariate occasioni ufficiali, con una predilezione particolare per la Regina Madre, Elisabetta.

Durante la Seconda guerra mondiale, la straordinaria diffusione sulla stampa internazionale di una sua foto che ritraeva una bambina ferita in ospedale spinse l’opinione pubblica americana in favore della partecipazione al conflitto. Finita la guerra, Beaton si trasferì a New York e cominciò a lavorare come costumista teatrale a Broadway e, poi, per il cinema.

Le foto che seguono lo ritraggono nella sua villa di campagna nel Wiltshire, la Reddish House, che acquistò nel 1948 e in cui fu ospite, tra gli altri, Greta Garbo. Al momento dell’acquisto, l’ultimo piano della casa era allestito per i combattimenti tra galli, illegali: Beaton lo restaurò, rimodernandolo insieme al resto della casa, e usò le gabbie dei galli per conservare i costumi usati in My Fair Lady. Visse in quella casa fino alla morte, nel 1980, e fu seppellito nel cimitero della chiesa di Boardchalk, un villaggio poco distante.