Serve un nuovo direttore per l’FMI

Dopo l'arresto di Strauss-Kahn, Europa e Stati Uniti premono per la nomina di un nuovo responsabile ad interim che li rappresenti

Timothy Geithner, il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ha chiesto che il Fondo Monetario Internazionale proceda alla nomina di un nuovo direttore ad interim per sostituire Dominique Strauss-Kahn, in carcere e in attesa di giudizio con le accuse di molestie sessuali, tentato stupro e sequestro di persona. Secondo Geithner, al momento Strauss-Kahn «non è chiaramente nella posizione di gestire l’FMI» e sarebbe quindi necessario trovare un nuovo direttore che ne svolga le funzioni. Si tratta della prima dichiarazione sul caso da parte di un funzionario vicino all’amministrazione Obama, rimasta fino a ora in attesa di sviluppi sul fronte giudiziario. Geithner si è rifiutato di commentare le accuse mosse contro Strauss-Kahn e i dettagli del caso.

Da quando il direttore dell’FMI è stato arrestato lo scorso sabato, la gestione del Fondo è passata nelle mani del suo vice John Lipsky. Gli Stati Uniti, che possiedono il maggior numero di voti all’interno dell’organizzazione, premono per la nomina di un nuovo responsabile ad interim, che tenga lontano il Fondo Monetario Internazionale dal caso giudiziario contro Strauss-Kahn e dalle polemiche che ne conseguono.

Il ministro dell’economia austriaco, Maria Fekter, ha detto a Bruxelles che la permanenza dell’attuale direttore potrebbe danneggiare l’immagine e l’importanza dell’FMI. Altri ministri dell’economia hanno ammesso l’imbarazzo per le pesanti accuse contro Strauss-Kahn, ma hanno ricordato che per il bene dell’Europa il Fondo dovrebbe procedere a nominare un nuovo direttore ad interim europeo, una persona in grado di comprendere e proseguire la politica adottata dal suo predecessore per aiutare gli stati europei a mantenere i conti in ordine. Paesi come la Corea del Sud e il Sudafrica hanno chiesto la nomina di qualcuno in grado di rappresentare gli stati emergenti e in via di sviluppo, ma secondo gli analisti mancherebbe ancora una visione comune, cosa che potrebbe favorire alla fine la nomina di un nuovo direttore legato all’Europa.

Il nome che circola con maggiore insistenza è quello del ministro francese dell’economia Christine Lagarde, molto rispettata all’estero. Lagarde potrebbe contare sul sostegno di diversi paesi europei e di altri rappresentati all’interno dell’FMI. Una sua candidatura consentirebbe all’Europa di mantenere un forte controllo sull’FMI, eventualità che interessa molto il cancelliere tedesco Angela Merkel e i ministri dell’economia europei a partire da quelli del Belgio, dei Paesi Bassi e della Spagna, spiegano su Bloomberg.

Germania, Francia e Regno Unito messi insieme hanno il 14,4% dei voti all’interno dell’FMI, contro il 16,8% degli Stati Uniti. La nomina di un nuovo direttore ad interim passerà probabilmente attraverso un accordo tra Europea e America, dicono gli analisti, lasciando poco spazio ai paesi emergenti. Lo scenario più probabile per i prossimi giorni è che si renda sempre più concreta la possibilità di procedere alla nomina di un nuovo direttore ad interim. Angela Merkel potrebbe proporre un proprio candidato, forse di facciata, per evitare di apparire debole e di non sostenere una candidatura tedesca in una delle più importanti organizzazioni economiche del mondo. Brasile, Russia, India e Cina appaiono al momento troppo divisi per arrivare a una candidatura comune che potrebbe spostare gli equilibri del Fondo dall’Europa e in parte dagli Stati Uniti.

Mentre ci si interroga sul modo migliore per evitare una crisi dell’FMI, Dominique Strauss-Kahn rimane incarcerato in una cella singola a Rikers Island, il complesso di carceri sull’isola nell’East River tra Bronx e Queens nella città di New York. Il direttore del Fondo è osservato a vista e rischia una condanna fino a 25 anni se le accuse di stupro e di violenza dovessero rivelarsi fondate. Un giudice della Corte di Manhattan gli ha negato lunedì scorso la possibilità di uscire dal carcere pagando una cauzione e la prossima udienza è fissata per venerdì.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.