• Mondo
  • martedì 17 maggio 2011

Il carcere di Strauss-Kahn

Il capo del FMI è in una cella a Rikers Island, famigerato complesso carcerario di New York

Ieri un giudice della Corte di Manhattan ha deciso di mantenere in carcere senza cauzione Dominique Strauss-Kahn, il direttore del Fondo Monetario Internazionale accusato di molestie sessuali, tentato stupro e sequestro di persona. Strauss-Kahn è detenuto a Rikers Island, il principale complesso carcerario della città di New York, situato su un’isola che si trova tra il Queens e il Bronx sull’East River.

Rikers Island ha le dimensioni e la popolazione di una città. Nel complesso lavorano circa settemila tra agenti e funzionari e altri 1.500 civili, che hanno il compito di controllare una popolazione carceraria di 14mila persone. Il carcere ha mediamente un budget di 860 milioni di dollari all’anno ed è gestito dal Department of Correction della città di New York. L’isola raccoglie complessivamente dieci carceri che ospitano principalmente detenuti in attesa di giudizio o cui è stata negata la cauzione come nel caso di Strauss-Kahn.

All’isola si accede solamente dalla parte del Queens, attraverso un ponte lungo quasi un chilometro e mezzo. Prima che fosse costruito, l’unica possibilità per arrivare sull’isola era quella di usare un battello.

Prima di ospitare le carceri, l’isola era stata utilizzata come campo di addestramento militare ai tempi della Guerra d’Indipendenza a partire dal maggio del 1861. L’isola apparteneva a un parente di John Lafayette Riker, il comandante del primo reggimento che raggiunse l’isola. La città fu acquisita dalla famiglia nel 1884 per 180mila dollari e venne convertita in carcere. Tra il 2007 e il 2008 inchieste giornalistiche e giudiziarie rivelarono abusi e violenze su alcuni detenuti all’interno del carcere.

Strauss Kahn è detenuto in una cella singola e viene sempre scortato da una guardia negli altri locali del carcere per ragioni di sicurezza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.