Il videoclip interattivo di Danger Mouse

Google e Chris Milk hanno creato un video musicale in HTML5, il futuro del Web, per raccontare una canzone

“Black” è una delle canzoni di Rome, il nuovo disco di Danger Mouse prodotto e realizzato insieme a Daniele Luppi di cui vi avevamo parlato a inizio settimana. In attesa dell’uscita dell’album, prevista per il 17 maggio, il regista Chris Milk ha deciso di collaborare con i Google Creative Labs per creare un videoclip interattivo e molto suggestivo esclusivamente per il Web di “Black”.

Il video musicale racconta la storia di Temple, una ragazza che si ritrova a viaggiare in un mondo fantastico e post-apocalittico, che talvolta ricorda le composizioni di fantasia e surreali dei quadri di Salvador Dalì. Temple viaggia tra dune di sabbia, montagne e pianure percorse da bisonti e altri animali di fantasia.

Mentre scorrono le immagini del video, puoi decidere dove orientare lo sguardo della protagonista usando il mouse, navigando all’interno degli ambienti tridimensionali creati da Milk e dagli esperti di Google. Il viaggio di Temple termina in un deserto dove sono raccolti strani oggetti e immagini, che puoi creare tu stesso e condividere poi con il resto degli spettatori del video musicale online.

L’iniziativa è resa interessante anche dalla decisione di realizzare l’intera animazione in HTML5, la prossima evoluzione del codice che costituisce l’impalcatura delle pagine che leggiamo ogni giorno online, comprese quelle del Post. La nuova versione del codice permette di realizzare contenuti multimediali più ricchi e senza dover usare programmi esterni come è avvenuto fino a ora con Flash, che a volte rallenta i browser e complica la navigazione all’interno dei siti web.

Per vedere al meglio la versione di “Black” di Milk occorre utilizzare Chrome, il browser lanciato da Google nel settembre del 2008. Il regista di videoclip musicali aveva già realizzato un filmato interattivo lo scorso anno per gli Arcade Fire, sempre in collaborazione con il motore di ricerca e sempre compatibile con Chrome.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.