Una foto di tremila foto

Jean Francois Rauzier compone, sovrappone e unisce migliaia di fotografie diverse, creando mondi immaginari

Il lavoro del fotografo francese Jean Francois Rauzier è un seguito perfetto a quanto dicevamo nell’ultimo fotopost: non conta che la tecnica sia digitale o analogica, l’importante è l’idea unita alla capacità di realizzarla. Le hyperphoto che abbiamo selezionato sono enormi montaggi di centinaia di foto ad alta risoluzione: per comporre una singola immagine di solito sono necessarie tra le 600 e le 3.400 fotografie, unite insieme con Photoshop fino a creare scenari fantastici.

Dice Rauzier: «Come fotografo, posso usare il mezzo per catturare la realtà. Come pittore, posso controllare l’immagine con precisione e inserire ciò che voglio dove voglio. E come scultore provo piacere nel passare molto tempo sul mio lavoro, come se stessi meditando, e nell’avvicinare, toccare e sentire la texture per poi allontanarmi e osservare l’opera nel suo complesso. Le hyperphoto sono una combinazione di tutto questo.»

Sul suo sito è possibile ingrandire notevolmente le immagini per apprezzarne ogni dettaglio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.