• Mondo
  • sabato 12 febbraio 2011

E poi c’è l’Algeria?

Oggi ad Algeri una manifestazione non autorizzata protesta contro il governo, che teme un effetto Egitto e Tunisia

Aggiornamento delle 18.00
Il piccolo gruppo di alcune centinaia di manifestanti, che questa mattina era riuscito a raggiungere piazza Primo Maggio nel centro di Algeri, non è stato raggiunto dalle altre migliaia di manifestanti che hanno protestato contro il governo in alcune aree della città. Le forze dell’ordine, si stima trentamila agenti, non hanno lasciato confluire gli altri manifestanti verso la piazza.

Secondo l’Associated Press, che cita come fonti alcune associazioni umanitarie, la polizia avrebbe arrestato circa 400 persone, scese in piazza per chiedere le dimissioni del presidente Bouteflika. Una note ufficiale del Ministero dell’interno algerino dice invece che i partecipanti alle manifestazioni sono stati complessivamente 250 e che 14 sono stati fermati, per essere poi rilasciati nel tardo pomeriggio.

Aggiornamento delle 14.00
Diverse centinaia di manifestanti si sono ritrovati in piazza Primo Maggio nel centro di Algeri per protestare contro il governo ed è previsto l’arrivo di altre persone. I manifestanti urlano “Via Bouteflika!”, invitando il presidente algerino a dare le proprie dimissioni sull’esempio di quanto ha fatto ieri Hosni Mubarak in Egitto. Alcuni manifestanti hanno mostrato la prima pagina di un giornale che dava la notizia delle dimissioni del presidente egiziano.

Si stima che nell’area della città di Algeri ci siano almeno 30mila uomini delle forze dell’ordine pronti a intervenire contro i manifestanti. Ci sono timori per un’altra manifestazione a favore di Bouteflika, che potrebbe portare a scontri tra chi protesta contro il governo e i sostenitori del presidente.
https://www.youtube.com/watch?v=wSxMZu_7AT8

— —– —

La scorsa settimana, il presidente dell’Algeria, Abdelaziz Bouteflika, ha annunciato di voler rimuovere lo stato di emergenza in vigore nel paese da diciannove anni nel tentativo di evitare ondate di protesta simili a quelle avvenute in Egitto e Tunisia da inizio anno. L’apertura offerta dal presidente non ha però soddisfatto i manifestanti, che hanno deciso di organizzare per oggi una protesta ad Algeri, che potrebbe portare a nuove forti tensioni nel paese.

A partire da questa notte, nel centro della capitale dell’Algeria sono comparse alcune centinaia di agenti in tenuta antisommossa per affrontare chi protesta contro il governo. La manifestazione è stata ufficialmente vietata dalle autorità del paese, ma gli attivisti per i diritti umani e i gruppi di opposizione che l’hanno organizzata dicono di voler andare avanti e di formare il corteo per marciare nelle vie della città e contestare il governo.

La tensione tra forze dell’ordine e popolazione è aumentata già ieri, quando gli agenti di polizia hanno di fatto impedito di festeggiare per le strade la caduta del regime di Hosni Mubarak in Egitto. Il messaggio che vogliono dare le autorità del paese è chiaro: manifestazioni e iniziative analoghe a quelle organizzate al Cairo e in Tunisia non potranno ripetersi ad Algeri, a costo di usare la forza.

«Siamo pronti per la nostra marcia. Sarà un grande giorno per la democrazia» spiega Moshen Belabes, il portavoce del piccolo partito di opposizione Unione per la Cultura e la Democrazia (RCD). Il timore è che il grande spiegamento di forze dell’ordine possa portare a scontri e tafferugli tra manifestanti e agenti. Nella sola piazza Primo Maggio, segnala BBC, sono stati schierati quindici mezzi della polizia per rendere difficoltoso l’accesso e gli spostamenti nell’area da parte dei manifestanti. In altre vie laterali ci sono alcuni mezzi dell’esercito.

Formalmente, lo stato di emergenza che il governo vuole eliminare vieta l’organizzazione di manifestazioni e cortei nel paese. Il presidente Bouteflika ha comunque confermato che le manifestazioni saranno tollerate nel paese, ma non nella capitale.

foto: AP Photo

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.