• Media
  • lunedì 21 giugno 2010

La versione Rai del blackout di ieri a Torino

Niente a che vedere col digitale, secondo l'azienda: "è andata via la luce", in sostanza

Il segnale Radio Rai tornato attivo prima per un sistema di riserva indipendente

Mentre molti di noi seguivano la partita dell’Italia, ieri pomeriggio, su internet sono cominciate a circolare isolate (isolate in Piemonte) grida di allarme: aiuto, dicevano, a Torino la partita non si vede più. Ma stava finendo il primo tempo, eravamo sull’uno a uno, e il resto del paese non se ne è accorto. Quelli che invece erano rimasti collegati anche mentre seguivano la partita hanno visto balenare sui social network gli allarmi piemontesi ma hanno risposto al massimo con un “non rompete, c’è la partita”.

Oggi il disastro Rai di ieri pomeriggio sta assumendo dimensioni più vistose e visibili: ci sono articoli di giornale, interrogazioni parlamentari e agitate polemiche. E meno male che la partita è stata mediocre. Però non si capisce ancora esattamente cosa sia successo, o perché sia successo. Questo è quello che si ricostruisce in Rai.

Il ripetitore di Torino Eremo, sulle colline a sudest di Torino, che distribuisce il segnale sulla città e sulla zona circostante ha smesso di ricevere energia intorno alle 16,40, con l’Italia sull’uno a uno. L’energia arriva dalla municipalizzata AEM che distribuisce l’energia del gestore nazionale ENEL. Le ragioni di questa interruzione non sono chiare, e il tema è molto delicato: a seconda delle spiegazioni che l’AEM comunicherà ufficialmente, la RAI potrebbe chiedere una rivalsa economica ingentissima rispetto ai danni procurati dall’interruzione. Al momento è circolata l’informazione che “si stava lavorando su una linea”, insieme alla tradizionale versione del “fulmine”.

È un’evenienza altamente improbabile, ma la struttura contempla una soluzione di emergenza: i gruppi elettrogeni autonomi possono tamponare un problema del genere per diverse ore. Ma il guaio nella fornitura non si è limitato a un’interruzione: sono seguiti diversi sbalzi di tensione “di portata inaudita”, dicono in Rai (dicono anche “una botta paurosa”) durati almeno dieci minuti. Gli sbalzi hanno “bruciato” i condensatori a valle dei generatori, rendendo così inutilizzabile la fornitura di riserva che non poteva raggiungere i ripetitori.

Godendo di un apparato di distribuzione separato da quello del digitale, i ripetitori analogici dedicati alla radiofonia tornavano invece a funzionare – alimentatio dai generiatori – dopo circa un quarto d’ora.

Invece c’è voluta più di un’ora perché “due bravissimi tecnici”, dice RaiWay con orgoglio e riconoscenza, si inventassero un sistema alternativo di bypass dei condensatori bruciati per permettere ai generatori di alimentare il sistema: “un capolavoro, data la complessità dell’impianto”.

La fornitura è tornata regolare dopo alcune ore, ma la Rai ha atteso la mezzanotte per ritornare nella configurazione ordinaria e staccare i gruppi elettrogeni. Adesso si sta lavorando per rimettere in funzione la parte danneggiata, per cui ci vorranno alcuni giorni almeno. Intanto, si aspetta di capire la ragione dell’interruzione dell’energia, e se la ricostruzione del fornitore sarà compatibile con quella della Rai.

(foto credit)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.