I soldati della Guardia Nazionale che dormono nel Congresso americano

I soldati della Guardia Nazionale che dormono nel Congresso americano

Mercoledì alcuni giornalisti americani hanno pubblicato sui social network le foto di centinaia di soldati della Guardia Nazionale, la principale forza di riservisti dell’esercito statunitense, dormire nei corridoi e nelle stanze del Congresso, a Washington. La Guardia Nazionale era stata mobilitata dopo l’attacco al Congresso del 6 gennaio, anche se tardivamente e solo su ordine del vicepresidente Mike Pence: ai soldati era stato poi ordinato di rimanere nell’edificio per ragioni di sicurezza. Daniella Diaz, giornalista che si occupa del Congresso per CNN, ha scritto su Twitter che il Campidoglio e gli edifici vicini sono completamente controllati dalle forze dell’ordine e nessuno si può avvicinare senza identificarsi. Le foto sono state scattate mentre la Camera stava iniziando a discutere dell’impeachment contro il presidente Trump.

Il marketing “da giovani” di Unieuro

Il marketing "da giovani" di Unieuro

La pagina Facebook di Unieuro ha pubblicato un insolito post per promuovere una lavatrice. A differenza di una classica pubblicità social, il post è scritto come se fosse una confidenza scritta dal social media manager della pagina che si sfoga dopo aver frequentato un corso di social media marketing. «Oh, grazie che hai premuto “altro”. Davvero. Che poi altro che “altro”. Qui c’è tutto», si legge nel post. «Sì fra, sono io, il social media manager di Unieuro. Niente, ‘ste settimane non ci sono stato perché mi hanno mandato a un corso per imparare a fare i social fichi».

Nonostante sia un post pubblicato su Facebook, dove l’età media degli utenti è molto più alta rispetto ad altri social come Instagram e Tik Tok, il linguaggio è molto informale e fa ricorso ad alcune delle espressioni più utilizzate dagli adolescenti. Il post di marketing nel marketing, comunque, ha funzionato: in meno di un giorno ha raccolto oltre 36mila like, ottomila condivisioni e quasi novemila commenti.

Non è il primo post di questo genere pubblicato da Unieuro, che ha iniziato questa campagna lo scorso 22 dicembre con un’offerta «che si commenta da sola»: erano poi comparsi alcuni commenti scritti dagli stessi editor della pagina.

La carrellata dei tanti film che usciranno su Netflix quest’anno

La carrellata dei tanti film che usciranno su Netflix quest'anno

Netflix, il più popolare servizio di film e serie tv in streaming al mondo, ha pubblicato un video che anticipa 27 dei tanti nuovi film che usciranno sulla piattaforma quest’anno. Saranno uno a settimana, dice Netflix, che ha aumentato drasticamente i profitti e le ambizioni nell’anno della pandemia da coronavirus e dei cinema chiusi un po’ ovunque. I film saranno in parte titoli prodotti da Netflix, in parte produzioni esterne acquisite dalla piattaforma, e vedono coinvolti un bel po’ di attori e registi famosi. Come Gal Gadot, Ryan Johnson e Ryan Reynolds, che compariranno nel film d’azione Red Notice; Regina King e Idris Elba nel film western The Harder They Fall; Lin-Manuel Miranda, che ha diretto il musical Tick, Tick … Boom!; fino a Don’t Look Up, una commedia di satira politica di Adam McKay che avrà un cast pieno di gente famosissima, come Meryl Streep, Cate Blanchett, Jennifer Lawrence, Leonardo DiCaprio, Ariana Grande, Timothee Chalamet, Jonah Hill, Matthew Perry e Chris Evans.

Nuovo Flash