Elisabetta II del Regno Unito (Eddie Mulholland - WPA Pool/Getty Images)
  • Cultura
  • giovedì 29 Dicembre 2022

Senza di te

Quelli che non ci saranno più nel 2023, ma che fino al 2022 si erano fatti notare

Elisabetta II del Regno Unito (Eddie Mulholland - WPA Pool/Getty Images)

Da ormai molto tempo al Post raccogliamo una specie di Spoon River di fine anno, per tre ragioni maggiori: di rispetto, giornalistica, e di servizio. Ovvero, quest’ultima, aiutarci a trattenere l’informazione sulle morti in questione, spesso confusa fuggevolmente nella massa di notizie che si succedono e rimpiazzano ogni giorno. E siccome ogni morte porta una quota di tristezza – che sia specifica rispetto a quella persona, o generale sulla caducità di ogni vita – è giusto non aggiungere a quella tristezza anche il rischio che queste morti e queste persone passino dimenticate. Ancora di più quest’anno di ritorno-alla-normalità, come si è molto atteso e molto detto. Scrittori, scrittrici, politici, politiche, imprenditori, poete, giornalisti, sportivi, attori, scienziati e scienziate, regine, cardinali, attrici, musicisti e musiciste (ma le grandi rockstar quest’anno se la sono cavata meglio di altri), e altrə ancora. Persone che nella quasi totalità hanno fatto grandi cose: pezzi di storia, anche fuori di retorica.