Microsoft ha annunciato che chiuderà LinkedIn in Cina a causa della censura

Microsoft ha annunciato che chiuderà la piattaforma LinkedIn in Cina a causa della crescente censura nel paese. LinkedIn permette di creare e gestire contatti professionali ed era l’unico grande social network statunitense a essere ancora operativo in Cina, dove piattaforme come Twitter e Facebook sono bloccate da più di dieci anni. In un comunicato diffuso giovedì, la società ha citato un «ambiente operativo notevolmente più difficile da gestire e le maggiori restrizioni imposte». Nel comunicato viene anche specificato che alla fine di quest’anno sarà avviata una nuova versione della piattaforma, adeguata ai criteri della Cina.

A settembre LinkedIn aveva bloccato i profili di vari giornalisti statunitensi in Cina per via di quelli che erano stati definiti «contenuti vietati». Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, negli ultimi mesi in Cina erano stati bloccati anche i profili di diversi studenti e ricercatori accademici per motivi simili.

– Leggi anche: Il governo cinese contro Didi

(Edward Smith/ Getty Images)