Tienimi Bordone, la raccolta della settimana

Parliamo di armi, di piattaforme che cambiano spesso idea o che a volte deludono, di un grande musicista e dei bravini che proprio non ci vanno giù

Tienimi Bordone è il podcast quotidiano di Matteo Bordone sul Post. Il titolo si capisce?
Metti che non si capisce: è un gioco di parole sul fatto che lui si chiama Bordone, ed è buffo, come quando si dice “tienimi bordone”, che vuol dire “spalleggiami, assecondami” e viene dalla musica, e però se uno pensa a Bordone e alla sua inclinazione a imparare e condividere e discutere un sacco di cose, fa ridere, perché sembra che dici “tienimi Bordone”. Tienimi Bordone.
Capito? Eh?
Era meglio “Tienimi Matteo”?

Questa è la raccolta delle puntate della settimana iniziata lunedì 30 agosto.

Pubblicità

Lunedì 30 agosto – Only fans sì, poi no, poi sì
È tornato il podcast di Matteo Bordone, quello a cui non piacciono i ditini alzati ma gli elenchi puntati si

Martedì 31 agosto – Lee Scratch Perry, un santo col trolley
In memoria di un artista straordinario, che probabilmente ha solo cambiato posto

Mercoledì 1 settembre – Possiamo sopportare gli algoritmi, ma i virtuosi online no
Vale per le lingue straniere come per la musica: soprattutto perché imitarli dopo l’infanzia diventa difficile

Giovedì 2 settembre – L’allegro mondo delle armi fatte in casa
Quello raccontato da Vice in un breve documentario sulle armi fatte con le stampanti 3D

Venerdì 3 settembre – Il docunientario di Netflix su Bob Ross
È uno di quei prodotti che devono intrattenere il più a lungo possibile, come spesso accade nelle piattaforme: meglio l’originale