Peres Jepchirchir taglia il traguardo della maratona. (Clive Brunskill/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 7 Agosto 2021

Cos’è successo sabato a Tokyo

La maratona femminile è della keniana Peres Jepchirchir, l'India ha vinto il suo primo oro, gli Stati Uniti si sono presi il basket maschile e il Giappone il baseball

Peres Jepchirchir taglia il traguardo della maratona. (Clive Brunskill/Getty Images)

Sembrava potesse essere il primo giorno di queste Olimpiadi di Tokyo senza medaglie per l’Italia e invece l’italo-cubano Abraham Conyedo ha vinto il bronzo nella lotta libera nella categoria dei 97kg, battendo il turco Suleyman Karadeniz. È la 39esima medaglia per l’Italia, la 19esima di bronzo: nel medagliere siamo noni, perché nel frattempo ci hanno superato con gli argenti Germania e Paesi Bassi.

Sabato si è concluso il torneo di basket maschile, e gli Stati Uniti hanno vinto il quarto oro consecutivo (è da Atene 2004 che non vince un’altra nazionale, allora fu l’Argentina, in finale contro l’Italia). Contro la Francia – che aveva eliminato ai quarti l’Italbasket – gli americani hanno vinto per 87 a 82, dopo una partita che è stata molto equilibrata, e non erano in tanti ad aspettarselo. Kevin Durant dei Brooklyn Nets ha guidato gli Stati Uniti con i suoi 29 punti, confermandosi miglior giocatore del torneo. Nella finale per il terzo e quarto posto, l’Australia ha battuto la Slovenia di Luka Doncic 107 a 93, vincendo il bronzo.

Oggi si sono corse anche le finali delle staffette 4×400 maschili e femminili. Nella prima c’era anche la squadra italiana: è arrivata solo settima ma ha fatto una buona gara stabilendo il nuovo record nazionale con 2:58.91, nonostante un pasticcio di Edoardo Scotti che durante la seconda parte della sua frazione è rimasto all’interno della pista anche se il compagno a cui doveva passare il testimone era sull’esterno. Si è perso qualche decimo, ma forse non avrebbe cambiato molto il posizionamento finale. Hanno vinto gli Stati Uniti, secondi i Paesi Bassi, terzo il Botswana.

Anche nella 4×400 femminile hanno vinto gli Stati Uniti, nella cui squadra c’era Allyson Felix che arriva così alla sua undicesima medaglia olimpica in carriera, superando Carl Lewis. Le americane sono arrivate davanti alla Polonia e alla Giamaica.

L’americana Allyson Felix dopo la gara. (Christian Petersen/Getty Images)

Tra gli altri risultati italiani, la squadra di ginnastica ritmica – le cui atlete sono soprannominate “farfalle” – è in finale nel concorso a squadre, dopo aver ottenuto il terzo posto nelle qualificazioni dietro a Bulgaria e Russia. Punteranno quindi al podio, domenica mattina alle 4. Nel concorso all around individuale – che mette assieme gli esercizi con il nastro, le clavette, la palla e il cerchio – Milena Baldassarri è arrivata sesta, il miglior risultato mai raggiunto da un’italiana. A sorpresa ha vinto l’israeliana Lenoy Ashram, che ha battuto la russa Dina Averina: da Atlanta 1996 la Russia era sempre arrivata prima. Le italiane del nuoto sincronizzato (o artistico, come si chiama a queste Olimpiadi) sono arrivate quinte nella finale, ed è anche questo un grande risultato.

Nella notte a Sapporo, sull’isola di Hokkaido, si è corsa la maratona femminile, che è stata vinta dalla 27enne keniana Peres Jepchirchir, che con 2:27:20 ha preceduto la connazionale e favorita Brigid Kosgei e l’americana Molly Seidel. L’olandese Sifan Hassan ha invece vinto l’oro nei 10.000 metri femminili: è la sua terza medaglia di queste Olimpiadi, dopo l’oro nei 5.000 e il bronzo nei 1.500, nessun altro atleta aveva mai vinto una medaglia in ciascuna di queste gare olimpica.

L’olandese Sifan Hassan all’arrivo dei 10.000 metri. (Roger Sedres/Gallo Images)

I norvegesi Anders Mol e Christian Sorum hanno vinto il torneo maschile di beach volley battendo il duo russo, mentre il tuffatore britannico Tom Daley – diventato uno degli atleti più famosi di queste Olimpiadi sia per il precedente oro nei tuffi sincronizzati sia per i maglioni che ha fatto ai ferri sugli spalti – ha vinto il bronzo dai dieci metri (l’oro è andato al cinese Cau Yuan). Si è concluso il torneo maschile di pallavolo e ha vinto la Francia, battendo la Russia per 3 a 2.

L’India ha vinto la prima medaglia d’oro nell’atletica della sua storia, nonché la settima di queste Olimpiadi (e anche la prima d’oro) con Neeraj Chopra nel lancio del giavellotto.

(Matthias Hangst/Getty Images)

Nella mattinata italiana c’è stata una gara di ciclismo su pista in cui l’Italia aveva qualche possibilità di medaglia: Elia Viviani e Simone Consonni hanno gareggiato nella Madison, una di quelle competizioni di cui è difficile capire le regole (per questo abbiamo fatto una guida, giorni fa) e che si chiama così perché era la più celebre del Madison Square Garden di New York. Viviani e Consonni hanno cominciato bene, ma non sono riusciti a fare i punti decisivi alla fine e sono arrivati solo decimi (ha vinto la Danimarca).

Oggi c’è stata anche la premiazione della staffetta 4×100 maschile, nella quale ieri l’Italia aveva vinto uno stupefacente e storico oro con Marcell Jacobs, Filippo Tortu, Lorenzo Patta e Fausto Desalu. Tortu non si è più commosso – aveva finito ieri le lacrime, ha detto – e nello Stadio Nazionale di Tokyo è risuonato per la terza volta il l’inno di Mameli, dopo che se l’erano guadagnato Jacobs e Gianmarco Tamberi.

Lorenzo Patta, Marcell Jacobs, Fausto Desalu, e Filippo Tortu. (Matthias Hangst/Getty Images)

Ha vinto una medaglia anche Jessica Rae Springsteen, figlia di un cantante piuttosto famoso, che faceva parte della squadra statunitense del salto a ostacoli dell’equitazione: sono arrivate seconde. Sempre in ambito equino, si sono viste parecchie cadute nel pentathlon moderno, disciplina in cui gli atleti devono fare una prova di scherma, nuoto, corsa, tiro a segno e anche per l’appunto equitazione. Ma i cavalli vengono sorteggiati, quindi gli atleti e le atlete – che peraltro si suppone non abbiano la stessa dimestichezza di fantini veri e propri – hanno poco tempo per prendere confidenza. E qualche cavallo non ne vuole sapere di saltare gli ostacoli, oppure non sopporta chi lo cavalca, che in certi casi finisce a terra.

Il guatemalteco Charles Fernandez casca da cavallo nella prova di equitazione del pentathlon moderno. (Dan Mullan/Getty Images)

Il Brasile infine ha battuto la Spagna nella finale del torneo di calcio maschile. Ha segnato il gol decisivo Malcom, che qualcuno ricorderà perché nel 2018 era stato annunciato il suo trasferimento alla Roma, e invece finì al Barcellona. Il Giappone ha vinto contro gli Stati Uniti nel baseball, uno sport che era stato reintrodotto ai Giochi di Tokyo proprio perché è tra i più popolari nel paese. La squadra giapponese di baseball è stata una delle più tifate dal pubblico di casa, e questo è il primo oro della sua storia nello sport.

Il medagliere provvisorio delle Olimpiadi di Tokyo:

RankNazione