Una canzone di Karl Benjamin

Voler bene alle persone senza volerle frequentare spesso

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, pubblicata qui sul Post l’indomani, ci si iscrive qui.
Vasco Brondi ha commentato spiritosamente "la cosa più temuta da ogni band italiana" che stavolta è capitata a lui.
Vabbè, su Raffaella Carrà c'è poco da aggiungere, perché ognuno ha le sue cose da ricordare: per me è sempre esistita, mi ricordo io bambino che sentivo parlare alle elementari di "Raffaella Carrara", come la capivo io, prima di scoprire chi fosse (eravamo di sinistra, la svolta pop sarebbe arrivata dopo, ma poco dopo).
Alcuni di noi condividono con Gary Kemp degli Spandau Ballet lo stesso problema relazionale con i nostri cari: la nostra collezione dei Genesis non viene capita quanto merita.
Il 23 luglio esce un disco di David Crosby, che subito dopo compirà 80 anni ma i suoi dischi recenti continuavano a essere belli: c'è una buona intervista su Rolling Stone americano (lui ne ha sempre da dire) e una canzone (la seconda, qui la prima) con un suono Steely Dan perché l'ha scritta Donald Fagen degli Steely Dan.
Nei giorni scorsi sono stati 35 anni dall'uscita del disco dal vivo di Sting che si chiamò Bring on the night, dal titolo di una meravigliosa canzone dei Police, una delle tante: per celebrare hanno pubblicato un video di quel tour. La versione live della canzone era diversamente bella, con un tono più festoso dell'originale; ma la sorpresa maggiore di tutto il disco era una canzone che era uscita solo come lato B e che si chiamava Another Day, e che da allora meritava di più.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.