• venerdì 7 Maggio 2021

Un’altra canzone degli U2

Però questa è quella speciale, indimenticabile

(Takashi Aoyama/Getty Images)

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, pubblicata qui sul Post l’indomani, ci si iscrive qui.
Leggendo cose sulla canzone di Bruno Mars e Anderson .Paak che avevo citato pochi giorni fa, ho scoperto che esiste per un genere musicale (cose di black music leggera del secolo scorso) la definizione di "Quiet storm", dal nome di una canzone di Smokey Robinson, con tutto un valore culturale e sociale.
La storia non ha condiviso molto con me il giudizio che segue, ma ho sempre pensato che Wouldn't it be good fosse uno dei pezzi migliori tra quelli che affollarono le classifiche pop degli anni Ottanta dominati dalla musica britannica degli anni Ottanta. Anni molto ripresi, riscoperti, conservati, ma trascurando di celebrare Wouldn't it be good quanto meritava, mi pare. Per riprovare a convincervi, e segnalarvi anche l'assolo che non era niente male, approfitto di avere trovato un video di lui invecchiato che la rifaceva con un'orchestra nel 2019 a Leeds.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.