Nel 2013 a Concord, nel Massachusetts, una folla di persone attende di assaggiare il Crucolo, un formaggio italiano tipico, in questo caso, del Trentino (AP Photo/Elise Amendola)

Un regalo di Natale al giorno: -9

Una selezione di formaggi consigliati dalla redattrice friulana del Post

Nel 2013 a Concord, nel Massachusetts, una folla di persone attende di assaggiare il Crucolo, un formaggio italiano tipico, in questo caso, del Trentino (AP Photo/Elise Amendola)

Ogni anno, quando arriva dicembre, ci spremiamo le meningi per dare una mano a chi è a corto di idee sui regali. Quest’anno abbiamo selezionato esempi molto belli di grandi classici natalizi: per un mese, fino al 24 dicembre, ve ne suggeriamo uno al giorno, che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Magari può funzionare per qualcuno che conoscete. Altrimenti ci riproviamo il giorno dopo.

È arrivato il momento del regalo gastronomico, un classico natalizio adatto a moltissimi contesti: va bene per chi vuole fare un ringraziamento al medico di famiglia o al portinaio, ma può andar bene anche per persone più intime. Alle persone di cui non si conoscono bene i gusti si può fare un tradizionale cesto natalizio e andare sul sicuro, ma con chi si conosce meglio si può osare un po’ di più. In questo caso, i regali gastronomici migliori sono quelli che, oltre a essere gustosi, fanno scoprire prelibatezze mai assaggiate prima e sperimentare sapori nuovi. Una selezione di tradizionali formaggi friulani, per esempio, può essere una buona combinazione di entrambe le cose — se la persona a cui volete fare questo regalo non è friulana, ovvio.

Tosoni è un caseificio della provincia di Pordenone che esiste da ottant’anni e rifornisce tutti i principali negozi di formaggi della zona. Tra i più apprezzati dei loro prodotti c’è innanzitutto l’Asìno, un formaggio di origine celtica di cui Tosoni è l’unico produttore rimasto. Una curiosità da giocarsi al momento dello scarto è che il latte d’asina non c’entra (è fatto col latte di mucca), ma il formaggio si chiama così perché viene dai monti della Pieve d’Asio. La lavorazione avviene immergendo formaggelle fresche in una salamoia di latte, panna e sale detta salmùerie per circa 20 giorni. Secondo la tradizione friulana andrebbe accompagnato con la polenta o con le patate lesse, ma i produttori dicono che può avere anche altri abbinamenti: con le verdure, nella fonduta, sulla carne o sciolto in una frittata.

Un altro prodotto venduto da Tosoni e molto amato dalla redattrice friulana del Post è il Formadi Frant, un formaggio tipico morbido ma dal sapore stagionato e leggermente piccante. Si può mangiare a piccoli pezzetti con pane, mostarda o marmellata, oppure si può grattugiare, per esempio, sul risotto. Originariamente veniva fatto con gli avanzi di altri formaggi, uniti a panna e spezie, mentre oggi si utilizzano formaggi di buona qualità assemblati in forme che vengono stagionate per 40 giorni. Del Fromadi Frant esiste anche la crema spalmabile, il Formai dal Cit, che si può mettere sulle tartine o usare per condire la pasta.

Per finire la selezione si possono aggiungere la Scuéte Fumade, una ricotta affumicata dolce con una tenera crosta esterna da grattugiare sugli gnocchi o sulla pasta, e il Frico, una tortina fatta con un altro formaggio tipico ― il Montasio ― in varie stagionature e patate, che viene venduta sottovuoto e che va scaldata in padella. Sempre di Frico si possono prendere anche le palline friabili di solo formaggio, da servire come aperitivo. Con una porzione minima dei prodotti elencati si spende circa 40 euro dal sito di Tosoni, ma dai 50 euro in su la spedizione (che normalmente costa 5 euro) è gratis. Altrimenti, se preferite una composizione già fatta, potete andare nella sezione “Idee regalo” e scegliere uno dei cesti che oltre ai formaggi contengono anche vini, mostarde, salumi e dolci.

Se invece le persone a cui volete fare un regalo di Natale non amano i formaggi, potete farvi venire qualche idea guardando gli altri suggerimenti quotidiani che abbiamo messo insieme finora oppure queste liste:
– 20 idee per fare i regali di Natale, spendendo 20 euro al massimo
– 20 idee per fare i regali di Natale, spendendo 60 euro al massimo
– 20 (più 2) regali di Natale che costano al massimo 120 euro
– 20 idee per fare i regali di Natale, di prezzi vari
– 20 idee per fare un regalo di Natale a una persona vegana
15 idee per fare un regalo di Natale a bambini e bambine

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.