Vetrine natalizie a Milano, il 24 novembre 2020 (Claudio Furlan LaPresse )
  • Italia
  • lunedì 30 Novembre 2020

Cosa c’è nel nuovo decreto ristori

Il governo ha approvato un nuovo provvedimento, il quarto, a sostegno delle imprese e dei lavoratori in difficoltà economica a causa dell'emergenza coronavirus

Vetrine natalizie a Milano, il 24 novembre 2020 (Claudio Furlan LaPresse )

Nella notte tra domenica e lunedì il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge con cui vengono previsti altri 8 miliardi di euro di finanziamento a sostegno delle aziende e dei lavoratori colpiti dalle conseguenze economiche dell’emergenza coronavirus. Con il nuovo decreto salgono in totale a 18 i miliardi stanziati nei quattro cosiddetti “decreti ristori”, a partire dal primo approvato il 28 ottobre.

Il decreto prevede il rinvio dal 30 novembre al 30 aprile della scadenza del versamento di Irpef, Ires e Irap per tutte le imprese con un fatturato non superiore a 50 milioni di euro nel 2019 e che nel primo semestre del 2020 abbiano subito un calo del fatturato di almeno il 33 per cento rispetto all’anno precedente.

I precedenti “decreti ristori” avevano stabilito la proroga soltanto per le aziende che avevano dovuto chiudere a causa delle restrizioni. Per i ristoranti delle zone arancioni e rosse e, per tutte le attività rimaste chiuse per il Decreto del presidente del Consiglio (DPCM) dello scorso 3 novembre, la sospensione dei versamenti si applicherà indipendentemente dai limiti di fatturato e di perdite.

– Leggi anche: Dobbiamo ancora risolvere la questione dei brevetti dei vaccini

Le cose da sapere sul coronavirus

Il decreto prevede inoltre un ulteriore rinvio, al primo marzo 2021, dei pagamenti delle caselle esattoriali della cosiddetta “Rottamazione ter” e del “saldo e stralcio” previsti dal decreto “Cura Italia”. Nel primo caso si tratta del risanamento delle pendenze fiscali pagando interamente l’imposta dovuta, ma senza interessi e sanzioni. Il “saldo e stralcio”, invece, concede uno sconto sull’imposta da pagare ed è limitato a contribuenti con redditi medio-bassi. La scadenza era stata già prorogata al 10 dicembre dal “Decreto rilancio”.

Nel decreto il governo ha previsto anche una serie di indennità (“una tantum”, da 800 a 1.000 euro) per i lavoratori stagionali del turismo, dello spettacolo e dello sport. Con il “ristori quater” è inoltre istituito un fondo per un totale di 500 milioni di euro a sostegno del settore delle fiere e dei congressi e vengono stanziati 62 milioni di euro per le forze di polizia e i vigili del fuoco, che serviranno principalmente per pagare gli straordinari e le indennità. Alle regioni a statuto ordinario arriverà un contributo per il 2020 di 250 milioni di euro come aiuto per gestire il debito.

– Leggi anche: In Italia ci sono pochi asili nido, ed è un problema