Una canzone di Simen Mitlid

Che è norvegese, e lo paragonano un po' a Sufjan Stevens e un po' a Bon Iver

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, ci si iscrive qui.
Su Netflix c'è una nuova serie in quattro puntate - tratta da un podcast che ha qualche anno - che si chiama Song Exploder. Racconta insieme ai musicisti la storia di singole canzoni, e io ho visto solo quella sulla carta più attraente, per ora, dedicata a Losing my religion dei REM. Dura meno di mezz'ora ed è una pacchia, per quelli come me che non capiscono niente di musica, ma immagino anche per gli altri.
Dreams dei Fleetwood Mac è tornata di moda per via di un tormentone online nato da un video di skateboard.
Il 23 ottobre esce un disco nuovo dei Mountain Goats, quelli di questa canzone qui.
Chiacchiere sentimentali: sono all'estero per la prima volta nel 2020, ed è una sensazione, benché il massimo che sia riuscito a raggiungere è Lugano. "Ti sei bruciato un record per andare solo a Lugano", ha commentato Francesco Costa che è con me: ma abbiamo molti amici Lugano.
Che c'entra?, direte voi. Niente, mi sono solo ricordato di una newsletter che scrissi quasi un anno fa da Amsterdam, in un'altra vita, dannazione. Dai.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.