L'idroscalo di Milano. (ANSA/Matteo Corner)
  • Italia
  • domenica 12 Luglio 2020

Le notizie di domenica sul coronavirus in Italia

I nuovi contagi registrati sono stati 234, con 9 morti

L'idroscalo di Milano. (ANSA/Matteo Corner)

I nuovi contagi da coronavirus registrati nelle ultime 24 ore sono stati 234 ha detto domenica la Protezione Civile, con 9 morti. C’è un ricoverato in terapia intensiva in più rispetto a ieri, mentre le persone sottoposte al tampone sono aumentate di 23.061 rispetto a ieri. In totale, il bilancio ufficiale dei contagi accertati in Italia è di 243.061, con 34.954 morti.

In Lombardia sono stati confermati 77 nuovi casi di coronavirus, e i decessi sono stati 8. Le altre regioni che hanno registrato i maggiori aumenti nelle ultime 24 ore sono l’Emilia-Romagna con 71, la Calabria con 28 (sono i migranti pakistani soccorsi ieri in mare), il Lazio con 20 e il Veneto con 16. La Liguria, la provincia autonoma di Trento, la Puglia, il Friuli Venezia Giulia, la Sicilia, l’Umbria e la Basilicata non hanno registrato nessun nuovo contagio. Le province in cui l’aumento dei casi di contagio nelle ultime 24 ore è stato più alto sono Mantova (27), Bergamo (21), Modena (20), Bologna (19), Roma (19), Ferrara (11).

Questi, comunque, sono numeri da prendere con estrema cautela: in Italia, così come in moltissimi altri paesi del mondo, il numero dei casi positivi accertati comprende solo le persone che sono risultate positive al tampone, ma non le centinaia di migliaia di persone che hanno contratto il virus e non hanno mai fatto il test, e che quindi non sono mai rientrate nei conteggi ufficiali. Un discorso simile si deve fare per il numero dei morti, e anche il numero dei guariti e dimessi deve essere preso con le molle (qui c’è la spiegazione lunga sui numeri e sulle necessarie prudenze da avere nell’interpretarli).

– Leggi anche: La ricerca di un test più rapido per il coronavirus

Le altre notizie di oggi
Circa 200 persone hanno bloccato una strada provinciale ad Amantea, un comune con 14mila abitanti della provincia di Cosenza, in Calabria, per protestare contro il trasferimento in un centro accoglienza locale di 13 migranti pakistani positivi al coronavirus. I 13 migranti, tutti asintomatici, facevano parte di un gruppo di 70 persone soccorse in mare sabato, al largo di Roccella Jonica, in provincia di Reggio Calabria: 48 adulti e 20 minorenni. I migranti sono stati sottoposti al test per il coronavirus all’ospedale di Reggio Calabria e 28 sono risultati positivi. Alcuni sono poi stati trasferiti a Bova, sempre in provincia di Reggio Calabria, mentre i minorenni sono ospitati in una struttura di Roccella Jonica.

– Leggi anche: Com’è andata quindi in Svezia

È proseguita intanto la discussione sulla proroga dello stato di emergenza, che il governo farà votare dal Senato martedì: l’opposizione è contraria, sostenendo che non sia necessario attribuire i poteri che concede al governo ormai che si è superata l’emergenza; il governo, e i suoi principali consiglieri, ricordano però che l’emergenza è passata soltanto per il momento, ma potrebbe ripresentarsi in autunno. «Tutti sappiamo che con alcune regole precauzionali possiamo affrontare anche la nuova stagione, questa estiva, la prossima, con relativa tranquillità. Dobbiamo stare attenti, questo sì» ha detto ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.