(Darrian Traynor/Getty Images)

“Jurassic Park” è stato il film più visto del weekend nei cinema americani

Un dato che dice quanto piacciano ancora i film di Spielberg ma soprattutto quanta fatica stia facendo l'industria dei cinema a ripartire

(Darrian Traynor/Getty Images)

Nell’ultimo weekend il film più visto nei cinema statunitensi è stato Jurassic Park: non un nuovo sequel, ma proprio il film di Steven Spielberg del 1993. Il secondo più visto, anch’esso diretto da Spielberg, è stato Lo squalo, uscito nel 1975. Le stime della società Comscore, riportate dal giornale specializzato Deadline, dicono che tra venerdì e domenica i due film hanno incassato rispettivamente 517mila e 516mila dollari: pochissimo.

Gli incassi di Jurassic Park e dello Squalo sono un segno del fatto che i film di Spielberg piacciano sempre, anche con il passare dei decenni. Ma il fatto che basti mezzo milione di dollari di incassi per essere primo in classifica nel box office statunitense evidenzia la complicata situazione in cui si trova il mondo del cinema. Una situazione in graduale e lento miglioramento – nel weekend precedente il film più visto era stato L’uomo invisibile, con 383mila dollari di incassi – ma comunque lontanissima dalla normalità: nell’ultimo weekend gli incassi di tutti i cinema statunitensi non hanno superato i 4 milioni di dollari, mentre un anno fa erano stati superiori ai 200 milioni.

– Leggi anche: Jurassic Park ha lasciato un segno

Negli ultimi giorni Jurassic Park è stato proiettato in poco più di 200 cinema statunitensi, la maggior parte dei quali sono cinema drive-in, quelli che hanno avuto meno problemi a causa del coronavirus. In tutto negli Stati Uniti sono aperti in qualche modo circa mille cinema, meno di un quinto di quelli totali del paese. Oltre a Jurassic Park e allo Squalo, tra i dieci film più visti al cinema nel weekend statunitense ci sono alcuni altri titoli noti, come Ritorno al Futuro ed E.T. L’extraterrestre (anche questo di Spielberg).

– Leggi anche: Quanti ne ha fatti Spielberg

I migliori film recenti sono stati invece L’uomo invisibile e Trolls World Tour, che a causa del coronavirus erano comunque già stati resi disponibili per la visione in streaming, oltre che nei pochi cinema rimasti aperti. Trolls World Tour, per esempio, era stato al primo posto della classifica degli incassi per circa due mesi, quelli in cui quasi tutti i cinema erano chiusi.

Per quanto riguarda l’Italia, la situazione è ugualmente complicata: solo alcuni cinema hanno riaperto, non ci sono praticamente nuovi film da proiettare e non tutti stanno scegliendo – come è stato fatto negli Stati Uniti – di proiettare vecchi blockbuster. Nella settimana iniziata il 15 e finita il 21 giugno il film con i maggiori incassi italiani è stato il film francese I miserabili, che ha guadagnato poco più di 25mila euro. Il decimo film più visto, Cena con delitto – Knives out, ha superato di poco i 3mila euro. La situazione è simile in molti altri paesi d’Europa e del mondo, dove bastano pochissimi biglietti e spettatori per essere il film più visto del giorno, del weekend o della settimana.

I dati sugli incassi americani e poi anche mondiali potrebbero tornare a salire soprattutto tra luglio e agosto, quando sono attese le uscite di alcuni nuovi film: compreso Tenet, l’undicesimo di Christopher Nolan. Ma bisognerà comunque aspettare di vedere quanto i cinema potranno essere riempiti e quanto gli spettatori avranno voglia di frequentarli.