L'incendio vicino a Chernobyl, 12 aprile (Volodymyr Shuvayev/AFP/ansa)
  • Mondo
  • martedì 14 Aprile 2020

Gli incendi di Chernobyl si avvicinano all’ex centrale nucleare

Le fiamme sono ormai all'interno della "area di alienazione", oggi in gran parte occupata da foreste

L'incendio vicino a Chernobyl, 12 aprile (Volodymyr Shuvayev/AFP/ansa)

Aggiornamento alle 21.00 del 14 aprile:
Nella serata di martedì, le autorità ucraine hanno fatto sapere che gli incendi nella cosiddetta area di alienazione dell’ex centrale nucleare di Chernobyl sono ora sotto controllo, dopo l’intervento – con aerei ed elicotteri – di centinaia di vigili del fuoco e addetti alle emergenze. Ci vorrà ancora qualche giorno perché siano completamente spenti.

***

Non si fermano gli incendi nella cosiddetta area di alienazione dell’ex centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, una zona dal raggio di 30 chilometri attorno all’area dell’incidente, avvenuto il 26 aprile 1986. Le fiamme hanno raggiunto la cittadina di Pripyat, a solo due chilometri dai depositi di materiale radioattivo di Podlesny.

A seguito dell’abbandono dell’area della centrale dopo l’incidente, la zona di alienazione è stata in gran parte occupata dalla foresta e da molti animali selvatici. Gli incendi boschivi sono iniziati il ​​4 aprile e hanno velocemente coperto un’area di 20 ettari, per poi raggiungere il 7 aprile i 35 ettari. Il villaggio di Polesskoye è stato evacuato dalla polizia. Intanto Greenpeace denuncia che gli incendi siano molto più estesi di quanto comunicato dalle autorità.

L’incendio visto da Chernobyl, 10 aprile (Ukrainian Police Press Office via AP)

I roghi, oltre che essere un pericolo per la presenza del materiale radioattivo, rappresenterebbero anche un danno economico per la zona. Il tour operator Yaroslav Emelianenko riferisce alla BBC che da Pripyat partono le visite turistiche “in sicurezza” che hanno fornito entrate consistenti per la cittadina, soprattutto dopo il successo della miniserie della HBO sul disastro.

La struttura di smaltimento dei rifiuti radioattivi di Podlesny è stata costruita dopo l’incidente per isolare le scorie durante le operazioni di messa in sicurezza dell’impianto. Le scorie radioattive sono state inserite all’interno di speciali vasche di cemento dello spessore di diversi metri. Podlesny si trova soltanto a un chilometro e mezzo a nord del sito dell’ex centrale nucleare di Chernobyl.

Un incendio a Ragovka, vicino a Chernobyl, 10 aprile (EPA/Ansa)

Kateryna Pavlova, che è a capo dell’agenzia statale ucraina che gestisce la zona di alienazione, ha dichiarato oggi all’agenzia di stampa Associated Press che l’agenzia non può dire che l’incendio sia stato contenuto. «Abbiamo lavorato tutta la notte, scavando i focolai intorno al deposito per proteggerlo dal fuoco», ha spiegato.

Il 5 aprile Yegor Firsov, il capo del servizio di controllo ambientale statale dell’Ucraina, aveva dichiarato in un post di Facebook che i livelli di radiazione nell’area erano aumentati notevolmente al di sopra della norma. Successivamente, sempre secondo quando riferito dalla BBC, dal governo è arrivata la smentita dell’aumento della radioattività e Firsov ha ritrattato.

L’incendio vicino a Chernobyl, 12 aprile (Volodymyr Shuvayev/AFP/ansa)