(Christopher Furlong/Getty Images)
  • Mondo
  • sabato 4 Aprile 2020

Keir Starmer è il nuovo leader dei Laburisti britannici

Ha 57 anni, è considerato un moderato ed era stato un convinto sostenitore della permanenza nell'Unione Europea: succederà a Jeremy Corbyn

(Christopher Furlong/Getty Images)

Il Partito Laburista britannico ha annunciato sabato mattina di aver scelto come suo nuovo leader Keir Starmer, ex ministro ombra per la Brexit considerato un moderato, oltre che uno dei principali sostenitori della permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea nel partito. Starmer, che ha 57 anni, succederà a Jeremy Corbyn, leader di sinistra radicale, che aveva annunciato che non si sarebbe ricandidato alla guida del Labour dopo la disfatta elettorale subita il 12 dicembre 2019, quando il partito aveva ottenuto il numero più basso di seggi dal 1935.

La vittoria di Starmer non è stata una sorpresa: era il favorito tra i tre candidati, tra i quali c’erano anche Rebecca Long-Bailey, avvocata che avrebbe rappresentato la maggiore continuità con la leadership di Corbyn, e Lisa Nandy, che invece era stata in forte polemica con Corbyn. Come vice leader è stata invece eletta Angela Rayner, ex ministra ombra dell’Istruzione.

La votazione per eleggere il leader del Labour è avvenuta tramite una consultazione tra gli iscritti al partito, dopo che i tre candidati erano stati proposti dai parlamentari e dagli europarlamentari. La votazione vera e propria è avvenuta nel corso di tutto marzo, per posta e per email: gli iscritti hanno indicato l’ordine di preferenza dei tre candidati. L’assemblea che era stata convocata inizialmente per proclamare il vincitore è stata annullata per via dell’epidemia di COVID-19.

Starmer è nato a Londra e fu chiamato così per Keir Hardie, politico scozzese tra i fondatori del Partito Laburista e primo parlamentare del partito nel Regno Unito. È un avvocato ed è stato uno dei più importanti responsabili della pubblica accusa nel sistema giudiziario britannico, prima di cominciare la carriera politica nel 2015, quando fu eletto parlamentare. Da allora si è battuto affinché il Labour adottasse una posizione apertamente ostile alla Brexit, senza successo, e ha sempre sostenuto la proposta di un secondo referendum.