(ANSA/ETTORE FERRARI)
  • TV
  • domenica 9 febbraio 2020

Diodato ha vinto il Festival di Sanremo

Con la canzone “Fai Rumore”, che è arrivata davanti a quelle di Francesco Gabbani e dei Pinguini Tattici Nucleari

(ANSA/ETTORE FERRARI)

Diodato ha vinto il Festival di Sanremo 2020, con la sua canzone “Fai rumore”: il cantante è arrivato davanti a Francesco Gabbani (“Viceversa”, secondo) e ai Pinguini Tattici Nucleari (“Ringo Starr”, terzi). Diodato ha vinto anche il premio della critica Mia Martini e il premio della sala stampa Lucio Dalla. Ha 38 anni ed era alla sua seconda partecipazione al Festival di Sanremo nella categoria dei “Big”, dopo esserci andato nel 2018 insieme a Roy Paci. Ma c’era stato anche nel 2014 tra i Giovani, arrivando secondo.

– La classifica finale del Festival di Sanremo 2020

Il suo nome intero è Antonio Diodato ed è nato ad Aosta. È cresciuto a Taranto, ma ha studiato musica e ha iniziato a suonare tra Roma e la Svezia. Ha iniziato a registrare canzoni e farsi conoscere nella seconda metà degli anni Duemila, pubblicando il suo primo EP nel 2007. Il suo primo disco uscì invece nel 2013: si chiamava E forse sono pazzo, che in una seconda edizione incluse “Babilonia”, la canzone che portò a Sanremo Giovani nel 2014.

– Leggi anche: La versione del direttore d’orchestra Simone Bertolotti su cos’è successo tra Bugo e Morgan

Nella sua breve carriera Diodato ha collaborato con gente come Daniele Silvestri e Boosta dei Subsonica, e nel 2016 aveva anche scritto la canzone “Il mare dentro”, presentata come inedito da Andrea Biagioni a X Factor. Nel 2019 ha fatto per la prima volta l’attore, con un ruolo minore nel film Un’avventura di Marco Danieli.

Nella serata delle cover di questa edizione del Festival di Sanremo, Diodato aveva cantato “24.000 baci” con Nina Zilli. Sabato sera si è classificato nelle prime tre posizioni della classifica generale nella prima parte della serata, e ha poi vinto il secondo voto del pubblico da casa, della giuria demoscopica e della sala stampa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.