Carlos Ghosn a Tokyo il 6 marzo (The Yomiuri Shimbun via AP Images )
  • Mondo
  • mercoledì 1 gennaio 2020

Come ha fatto Carlos Ghosn a scappare dal Giappone?

Era in libertà vigilata, la sua casa era sorvegliata e non aveva più nessuno dei suoi tre passaporti: ma lunedì è arrivato in Libano, lasciando tutti a bocca aperta

Carlos Ghosn a Tokyo il 6 marzo (The Yomiuri Shimbun via AP Images )

Il New York Times ha provato a capire come sia stato possibile che Carlos Ghosn, l’ex capo di Nissan e Renault, sia riuscito a scappare dal Giappone, dove era in libertà vigilata, con condizioni molto restrittive e senza più nessuno dei suoi tre passaporti. Ghosn era una delle persone più sorvegliate del Giappone, dalla polizia e dai giornalisti, ma nonostante questo è riuscito a lasciare il paese e arrivare in Libano, paese dove è cresciuto e che non ha accordi di estradizione con il Giappone.

Leggi anche: Carlos Ghosn è fuggito in Libano

In Giappone, Ghosn era in attesa di essere processato per le accuse di aver deliberatamente sottostimato i propri compensi nei report alle autorità di borsa e di aver utilizzato beni aziendali a fini personali quando era a capo di Nissan. I suoi guai erano cominciati nel novembre del 2018, quando era stato clamorosamente arrestato dalla polizia giapponese: nonostante fosse uno dei più importanti manager del mondo, per mesi era poi stato tenuto in carcere in isolamento e in condizioni molto dure, prima che a marzo gli venisse concessa la libertà vigilata. Ghosn era stato poi arrestato nuovamente e ancora liberato, dopo il pagamento di una cauzione da 9 milioni di dollari e la consegna dei suoi tre passaporti: quello libanese – il paese di origine della sua famiglia –, quello brasiliano – il paese dove è nato – e quello francese, il paese dove ha studiato e dove ha lavorato per gran parte della sua carriera.

La casa di Ghosn a Beirut, in Libano (Photo by Jacob Russell/Getty Images)

Le condizioni della sua libertà vigilata erano piuttosto severe, ha raccontato il New York Times. Ghosn, per esempio, non poteva contattare sua moglie – per il timore che lei potesse aiutarlo a distruggere prove contro di lui –, gli era concesso un uso limitato del telefono, non poteva usare internet – se non nell’ufficio del suo avvocato giapponese – e gli ingressi della sua casa di Tokyo, dove viveva, erano sorvegliati da telecamere della polizia. È inoltre probabile che Ghosn fosse seguito da investigatori privati di Nissan ogni volta che usciva di casa – la sua ex società ha a sua volta avviato delle azioni legali contro di lui – e, in generale, le sue disavventure erano così note e seguite dai giornali giapponesi che era quasi impossibile per lui muoversi liberamente in città.

Nonostante tutto questo, lunedì Ghosn è arrivato a Beirut, in Libano, dove si è stabilito nella sua grande casa in centro città e dove, con un breve comunicato, ha confermato di essere scappato illegalmente dal Giappone per non essere più «ostaggio di un sistema giudiziario falsato». In Libano – ha raccontato il New York Times – Ghosn è considerato una sorta di eroe popolare e oltre agli ottimi rapporti che aveva coltivato nel paese lì sarà al sicuro dalle autorità giapponesi.

Junichiro Hironaka, avvocato di Carlos Ghosn in Giappone, parla con i giornalisti martedì dopo la notizia della fuga di Ghosn in Libano (Kyodo via AP Images)

Ghosn sembra essere arrivato in Libano con un aereo privato dalla Turchia e le autorità libanesi hanno confermato che Ghosn è entrato nel paese con un passaporto francese valido e con la sua carta d’identità libanese. Questa ricostruzione cozza però con il fatto che il passaporto francese di Ghosn, così come gli altri due in suo possesso, era stato consegnato al suo avvocato giapponese, Junichiro Hironaka, cosa che quest’ultimo ha confermato martedì ai giornalisti. Per questo, in Giappone molti stanno sostenendo che nella sua fuga Ghosn sia stato direttamente aiutato dalle autorità libanesi.

A prescindere da come sia entrato in Libano, infatti, quello che sembra più difficile da capire è come Ghosn sia uscito dal Giappone senza che se ne accorgesse la polizia che sorvegliava la sua casa e senza che lo fermassero gli agenti di frontiera. Un giornale libanese, citato dal New York Times, ha parlato della possibilità che Ghosn sia scappato da casa sua nascosto in un baule e in passato Ghosn aveva già dato prova di essere bravo con le fughe, come quando si travestì da operaio per eludere i giornalisti uscendo dal carcere lo scorso marzo.
Per uscire dal paese Giappone avrebbe comunque dovuto avere dei documenti di qualche tipo e potrebbe aver usato un nome falso. La fuga di Ghosn sembra quindi essere stato un piano ben architettato che ha coinvolto diverse persone, in grado di aggirare la sorveglianza della polizia giapponese: Hironaka ha detto che Ghosn ha lasciato tutti i suoi documenti in Giappone e ha spiegato che la sua fuga non sarebbe stata possibile senza «l’aiuto di una grossa organizzazione».

Carlos Ghosn, quello con il cappellino celeste, lascia il carcere di Tokyo dove era detenuto travestito da operaio, per ingannare i giornalisti che lo aspettavano (The Yomiuri Shimbun via AP Images )

Hironaka ha detto di essere stato completamente sorpreso dalla sua fuga in Libano e ha spiegato che negli ultimi mesi Ghosn aveva dato l’impressione di voler farsi processare per difendersi in tribunale. Aveva partecipato quasi quotidianamente alle riunioni con i suoi legali a Tokyo e aveva lavorato con loro alla strategia di difesa da usare in tribunale. L’ultimo incontro con gli avvocati era stato pochi giorni prima delle feste e il successivo era già stato fissato per il 7 gennaio, terminato il periodo delle feste di fine anno.

Proprio le feste, ha spiegato il New York Times, potrebbero essere state uno dei fattori ad aver favorito la fuga di Ghosn. In Giappone la fine dell’anno è una delle feste più sentite e partecipate, che provoca la chiusura di quasi tutti gli uffici e le attività commerciali, con conseguenti riduzioni di personale in servizio in tutti i settori pubblici. Anche i giornalisti giapponesi che da lunedì sera stanno cercando di ricostruire come siano andate le cose hanno dovuto fare i conti con gli uffici chiusi e la difficoltà di raccogliere informazioni.

Nel breve comunicato diffuso dopo il suo arrivo in Libano, Ghosn non ha dato informazioni sulla sua fuga. Si è limitato a criticare le dure condizioni di detenzione a cui era sottoposto in Giappone, spiegando di non avere fiducia nell’imparzialità del suo processo. Ghosn ha promesso che parlerà più ampiamente con i giornalisti «a partire dalla prossima settimana» e una fonte del New York Times ha detto che un esperto di pubbliche relazioni è arrivato in Libano dagli Stati Uniti per organizzare una conferenza stampa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.