© Wim Wenders, Safeway, 1983

Fotografie di contatti e contrasti

La Galleria Valeria Bella di Milano ospita una mostra con i lavori di grandi fotografi molto diversi tra loro, da Ugo Mulas a Davide Monteleone, Luigi Ghirri, Guido Guidi e Wim Wenders, tra gli altri

© Davide Monteleone, Red Thistle #003, 2007-2011

Dal 4 al 24 ottobre la Galleria Valeria Bella di Milano ospita una mostra con i lavori di grandi fotografi molto diversi tra loro, da Ugo Mulas a Davide Monteleone, Luigi Ghirri e Guido Guidi, Wim Wenders, Toni Thorimbert e Margherita del Piano, tra gli altri. Il titolo della mostra – Contatti e Contrasti – ne spiega il filo conduttore: contatti come le stampe a contatto (senza ingrandimento) di alcuni fotografi che hanno lavorato col grande formato o con Polaroid, (Guidi, Fabbri e Ermoli), e contrasti come l’eterogeneità delle visioni dei fotografi, dei loro soggetti e degli stili.

Tra le foto in mostra ci sono quelle che Ugo Mulas scattò a Andy Warhol, Jim Dine, Jasper Johns e Robert Rauschenberg per un lavoro sul movimento artistico della Pop Art negli Stati Uniti a metà anni Sessanta. I paesaggi degli emiliani Luigi Ghirri e Guido Guidi e il lavoro sulla Russia post-sovietica di Davide Monteleone. Il ritratto di Paolo Verzone al regista Quentin Tarantino e le foto del regista Wim Wenders prima delle riprese di Paris, Texas. E ancora: Margherita del Piano con una serie di still life di prodotti di consumo in scatola rivisitati in chiave Pop (con Cose buone dal Mondo) e Carlo Orsi con le sue foto sulla seduzione e lo stress del traffico.