(AP Photo/Antonio Calanni)
  • Italia
  • venerdì 27 settembre 2019

Le foto dello sciopero per il clima in Italia

Centinaia di migliaia di studenti hanno partecipato ai cortei a Milano, Roma, Napoli, Torino e molte altre città

(AP Photo/Antonio Calanni)

iuIn tutta Italia centinaia di migliaia di studenti hanno partecipato allo sciopero mondiale per il clima, la manifestazione ispirata dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg che chiede ai governi nazionali di agire per contrastare il riscaldamento globale. Le manifestazioni più grandi sembrano essere state quelle di Milano, Roma e Napoli, ma ce ne sono state in gran parte dei capoluoghi di regione e in molte altre città più piccole, in tutta Italia. Alcuni portavoce di Fridays for Future, il nome dell’organizzazione spontanea nata intorno agli scioperi, hanno parlato di 150mila persone alla manifestazione di Milano, di 80mila a Napoli, di 50mila a Firenze e di 20mila a Torino.

Gli studenti italiani hanno fatto quello che si è visto in tutto il mondo anche alle precedenti manifestazioni, che si erano tenute lo scorso 15 marzo e 24 maggio: hanno esposto molti cartelli con giochi di parole e battute sul cambiamento climatico, tra le cose più fotografate delle manifestazioni. A Milano, dove ha partecipato alla manifestazione anche il sindaco Beppe Sala, è stata bruciata una riproduzione del globo terrestre davanti al Duomo. Gli scioperi di oggi concludono una settimana di manifestazioni che hanno avuto come momento più importante la riunione che si è tenuta all’ONU lunedì 23 settembre per discutere della crisi climatica e di cosa i singoli paesi possano fare per arginare il fenomeno: riunione che però non ha portato a grandi risultati né a impegni concreti da parte dei paesi più industrializzati per ridurre la produzione di emissioni inquinanti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.