(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Ci sarà una nuova indagine sull’uso dei voli di Stato da parte di Matteo Salvini

La Corte dei Conti ha escluso danni alle casse pubbliche ma li ha definiti “illegittimi”, trasmettendo gli atti alla procura di Roma

(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

La procura della Corte dei Conti ha archiviato la sua indagine sui voli di stato utilizzati dall’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini nei primi mesi del 2019, e che secondo un’inchiesta di Repubblica erano stati sfruttati non per fini istituzionali ma per raggiungere i luoghi di comizi elettorali: la procura ha escluso che abbiano rappresentato un danno erariale per le casse pubbliche, ma ha comunque stabilito che sia stata «illegittima la scelta di consentire l’uso dei menzionati velivoli per la finalità di trasporto aereo del Ministro e del personale al seguito». Per questo ha trasmesso gli atti dell’indagine – aperta lo scorso maggio – alla procura della Repubblica di Roma, perché decida cosa fare verificando se sono stati commessi altri reati, per esempio abuso di ufficio. La procura della Corte dei Conti è infatti un organo che svolge la funzione di pubblico ministero per una serie specifica di reati, legati a questioni patrimoniali e amministrative.

La procura della Corte dei Conti ha stabilito che l’utilizzo dei voli di stato da parte di Salvini comportò costi «non palesemente superiori a quelli che l’Amministrazione avrebbe sostenuto per il legittimo utilizzo di voli di linea», e quindi non ha riscontrato ipotesi di reato sulle materie di cui è competente. Ma ha anche spiegato che i mezzi su cui ha volato Salvini «erano stati acquistati per finalità prettamente operative e non per il trasporto di autorità, neanche per agevolare lo svolgimento della loro attività istituzionale», e per questo ha ritenuto di trasmettere gli atti dell’indagine alla procura ordinaria.

La storia risale allo scorso maggio, ed era stata raccontata da un articolo di Repubblica secondo cui Salvini, tra gennaio e maggio, avrebbe effettuato almeno venti voli con aerei ed elicotteri della polizia, e in un caso con un mezzo dei vigili del fuoco, per partecipare a più di 200 comizi elettorali in giro per l’Italia. Ai comizi venivano sempre uniti eventi ufficiali, in modo da giustificare l’uso dei mezzi della polizia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.