(Peter Summers/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 9 settembre 2019

Il mondo ha un problema con il nome di Boris Johnson

Stavolta il premier israeliano Netanyahu l'ha confuso con Boris Yeltsin, l'ex presidente russo morto nel 2007

(Peter Summers/Getty Images)

Durante una riunione tenuta domenica, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha sbagliato il nome del primo ministro del Regno Unito, che aveva incontrato giovedì: al posto di Boris Johnson lo ha chiamato Boris Yeltsin, come l’ex presidente russo morto nel 2007.

«Sono tornato da una piacevole visita a Londra, dove ho incontrato il primo ministro Boris Yeltsin», ha detto Netanyahu. Pochi secondi dopo molte persone nella stanza hanno iniziato a ridere, e Netanyahu – accorgendosi dell’errore – ha detto che voleva capire se tutti fossero davvero attenti.

Il nome completo di Johnson è composto da un cognome molto diffuso e da un nome più originale, cosa che a volte induce alla confusione. È capitato anche ai giornali italiani. Qualche giorno fa il Fatto lo aveva chiamato in prima pagina Ben Johnson, come il noto velocista canadese. Nel 2007 la Stampa dedicò un articolo in prima pagina al tennista Boris Becker raccontando della sua intenzione di candidarsi a sindaco di Londra, quando invece nel Regno Unito si parlava proprio di Boris Johnson.

Netanyahu non è nuovo a inciampi di questi genere: qualche mese fa, parlando della sua recente visita di stato in Azerbaigian, disse di avere appena lasciato l’Afghanistan.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.