Matteo Salvini e Giuseppe Conte. (AP Photo/Gregorio Borgia)

La crisi di governo delle faccette

Le foto di Salvini che ascolta il discorso di Conte da pochi centimetri, commentandolo senza parlare

Matteo Salvini e Giuseppe Conte. (AP Photo/Gregorio Borgia)

Oggi al Senato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha riferito sulla situazione generale del governo, diventata particolarmente precaria dopo la decisione della Lega di ritirare il proprio sostegno, e ha annunciato che si dimetterà alla fine della discussione in aula. Dalla decisione della Lega a oggi, però, un po’ di cose sono cambiate: il leader della Lega Matteo Salvini prima ha criticato duramente il governo e il Movimento 5 Stelle, poi è sembrato voler tornare sui suoi passi quando è maturata la possibilità di un’alleanza tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Oggi la crisi politica è arrivata in Parlamento, e seduto tra i banchi del governo a pochi centimetri da Conte c’era proprio Salvini, che ha sottolineato i vari passaggi del discorso con varie espressioni facciali (e agitando un dito ha chiesto ai senatori della Lega di non esagerare con le contestazioni).

Il liveblog del Post sulla crisi politica al Senato

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.