(TWITTER/SEA WATCH )
  • Mondo
  • lunedì 8 luglio 2019

Chi porta davvero i migranti in Italia

I dati ufficiali dicono che le ong hanno portato in Italia soltanto l'8 per cento dei migranti arrivati via mare nel 2019

(TWITTER/SEA WATCH )

Da settimane lo spazio che i quotidiani italiani dedicano all’immigrazione, soprattutto quelli di destra, si concentra soprattutto sulle organizzazioni non governative che soccorrono i migranti che partono dalla Libia: a più riprese sono state accusate (senza prove) di essere in combutta con i trafficanti di esseri umani e indicate come le responsabili della presunta “invasione” che sta avvenendo in Italia. In realtà i numeri dicono una cosa diversa: le ong sono responsabili solo in minima parte dei migranti che arrivano via mare sulle coste italiane.

Secondo i dati ufficiali disponibili a oggi ed elaborati dal ricercatore dell’ISPI Matteo Villa, nel 2019 sono sbarcati in Italia 3.073 migranti: soltanto 248 sono arrivati a bordo delle navi delle ong, circa l’8 per cento.

Gli altri 2.825, cioè il 92 per cento del totale, sono arrivati con modalità meno visibili o perlomeno meno raccontate: in maniera completamente autonoma attraverso i cosiddetti “sbarchi fantasma”, cioè quegli sbarchi che avvengono a bordo di gommoni o piccole imbarcazioni difficilmente individuabili (in questo modo sono arrivate 737 persone dall’1 gennaio ai primi di giugno) oppure in maniera semi-autonoma; parliamo soprattutto di piccole barche arrivate fino ai confini delle acque italiane e poi trainate in porto dalle navi delle autorità italiane.

«Le ong sono importanti soltanto se le consideriamo importanti noi», spiega Matteo Villa, che da mesi monitora il loro lavoro. «Dall’inizio dell’anno hanno compiuto soltanto 7 missioni, sono state attive solamente 31 giorni su 187, praticamente un mese non continuativo su sei», dice Villa, spiegando che la percezione della loro attività risente molto del fatto che «quando arrivano al largo delle coste italiane, restano un sacco di giorni in attesa di sbarcare». I dati peraltro smentiscono un altro luogo comune, e cioè che la presenza delle ong incoraggi le partenze dei migranti: nei giorni in cui le ong erano al largo della Libia le partenze sono state 32, mentre nei giorni in cui non c’era nessuna ong sono stati 34.

Anche durante gli anni di picco del flusso dalla Libia, le ong hanno sempre compiuto soltanto una parte dei soccorsi. Nel 2016, quando sbarcarono in Italia 178mila persone soccorse in mare e al largo della Libia erano attive una decina di ong, le navi non governative soccorsero 46mila persone, poco più di un quarto del totale. Il resto lo fecero le navi delle autorità italiane – su tutte la Guardia Costiera – ma anche quelle dell’Operazione Sophia, la missione militare dell’Unione Europea per presidiare il Mediterraneo del Sud, e quelle di Frontex, l’agenzia per il controllo delle frontiere esterne dell’UE.

Dopo il calo delle partenze iniziato nell’estate del 2017 e in corso ancora oggi – dovuto soprattutto agli accordi del governo italiano con le milizie libiche che gestiscono i centri di detenzione in Libia – Frontex si è progressivamente disimpegnata, mentre l’Operazione Sophia è stata di fatto sospesa per volontà del nuovo ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Anche le ong hanno risentito di questo calo: nei primi mesi dell’anno sono state poco impegnate anche perché partivano pochissime barche dalla Libia. Villa spiega che fra i 3073 migranti sbarcati in Italia nel 2019, «soltanto 700-800 arrivano dalla Libia. Anche solo con questo dato capiamo che buona parte arrivano in maniera autonoma, soprattutto dalla Tunisia oppure da Grecia e Turchia».

È vero che gli sbarchi sembrano essere aumentati nelle ultime settimane, complice anche l’arrivo dell’estate e il miglioramento delle condizioni meteo: al momento però le ong attive nel Mediterraneo restano soltanto quattro, dopo che molte di loro se ne erano andate circa un anno fa sia per via delle pressioni del governo italiano sia per l’aggressività della cosiddetta Guardia costiera libica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.